PESCARA-ROMA, CHIESTO INCONTRO AL COMMISSARIO STRAORDINARIO DOPO LE DICHIARAZIONI DEL MINISTRO SALVINI

Rischia di correre verso un binario morto il progetto di velocizzazione della linea ferroviaria Pescara-Roma. Stando almeno alle dichiarazioni che avrebbe fatto in commissione Ambiente e Lavori Pubblici del Senato, il ministro alle Infrastrutture, Matteo Salvini, sulle difficoltà che vi sarebbero per realizzare il progetto. E il sindaco di Sulmona, Gianfranco Di Piero, d’intesa con i sindaci di Avezzano, Gianni Di Pangrazio e di Tagliacozzo, Vincenzo Giovagnorio, si è subito attivato per un incontro con il commissario straordinario, deputato alla gestione dell’opera, ingegnere Vincenzo Macello. “Esprimo a nome dell’amministrazione comunale, seria preoccupazione per le difficoltà che avrebbe riferito il Ministro delle Infrastrutture, Matteo Salvini, in ordine alla realizzazione del progetto di velocizzazione della linea ferroviaria Pescara-Roma – afferma Di Piero – Un progetto che sarebbe determinante per il rilancio del collegamento ferroviario Adriatico-Tirreno e per la stessa economia dell’Abruzzo costiero e interno. Lo stesso Presidente della Regione, Marco Marsilio, ha dichiarato sostegno al progetto, definendolo “concreto e vitale per la regione”. “D’intesa con i sindaci di Avezzano, Gianni Di Pangrazio e di Tagliacozzo, Vincenzo Giovagnorio, che condividono l’estrema preoccupazione per le notizie riportate da un organo di stampa che, se confermate, comporterebbero un durissimo colpo all’economia e alle prerogative dei territori delle aree interne dell’Abruzzo, compresa la Valle Peligna, mi sono attivato per chiedere un incontro all’ingegnere Vincenzo Macello, commissario straordinario” conclude il sindaco di Sulmona.

 

Un pensiero su “PESCARA-ROMA, CHIESTO INCONTRO AL COMMISSARIO STRAORDINARIO DOPO LE DICHIARAZIONI DEL MINISTRO SALVINI

  • 1 Dicembre 2022 in 18:30
    Permalink

    Benché un’altro spreco di soldi sarebbe molto meglio del progetto Snam gasdotto Eni che è stato approvato niente meno che da un sotto ministro alla faccia di tutti i residenti e contribuenti.
    Veramente incredibile il comportamento del presidente della regione che o non sa e non dice in merito.
    I giornalisti sono intimiditi e non possono fare nomi e dire i fatti ma almeno ascoltate i cittadini ogni tanto.
    Vi aiuterà

I commenti sono chiusi