SULMONA, NUOVO PIANO SOCIALE DA 9 MILIONI

Con il voto unanime del consiglio comunale, si è concluso ieri pomeriggio l’iter del Piano sociale triennale dell’Ambito del distretto peligno, di cui il Comune di Sulmona è capofila, per 9 milioni di euro, da fondi diretti, indiretti e Pnrr. Le novità dello strumento varato sono rappresentate dall’istituzione del Punto Unico di Ascolto con sede nel distretto sanitario di Sulmona. Uno sportello di importanza fondamentale perché realizza l’integrazione tra sociale e sanità, offrendo servizi ai cittadini fragili, come disabili e anziani. Seconda importante novità è quella delle cosiddette dimissioni protette. La convalescenza di pazienti fragili potrà giovarsi dell’assistenza socio-sanitaria, con le figure professionali adatte ad ogni bisogno. Il Piano prevede inoltre la co-progettazione con enti del Terzo Settore, per centri diurni di accoglienza dei disabili. Così come, sempre sul fondamento dell’integrazione socio-sanitaria dei
servizi, sono previste borse lavoro a beneficio dei disabili. Infine nel Piano sono previsti anche contributi per l’acquisto di parrucche da destinare a donne pazienti oncologiche. “Abbiamo lavorato durante il periodo estivo, con sollecitudine e impegno, disponendo di tempi ristretti”, afferma l’assessore al sociale Attilio D’Andrea, “abbiamo ascoltato tutti i portatori d’interesse e gli attori del settore socio-sanitario, per accogliere le diverse esigenze e richieste. Sappiamo però che i fondi per il settore sociale sono sempre esigui e questo rende ancor più importante una costante e stretta collaborazione di tutti i soggetti interessati, per monitorare l’applicazione dei servizi, affrontare le criticità, che sempre possono verificarsi e ottenere i risultati attesi. Abbiamo davanti a noi un’utenza di persone fragili e dobbiamo essere in grado di facilitare al massimo l’accesso ad ogni tipo di servizio richiesto che questo Piano può offrire”, conclude l’assessore D’Andrea.

2 thoughts on “SULMONA, NUOVO PIANO SOCIALE DA 9 MILIONI

  • 30 Novembre 2022 in 14:35
    Permalink

    L’odg del Consiglio Comunale del 29 c.m. era composto di 6 punti, di cui alcuni sovrapponibili nell’elencazione fatta dall’assessore D’Andrea, che giudico valida come iniziativa del divulgare l’operato e deciso.
    Ma degli altri punti, come ad. es. del punto 2 – Comunicazione prelievo dal fondo di riserva: Deliberazione di Giunta Comunale n. 306/2022 nessuno ci informa “in soldoni” per chi e per cosa questo prelievo di fondi?

  • 30 Novembre 2022 in 13:58
    Permalink

    Per piacere non dimenticatevi delle cause del cancro e agite a prevenire avvelenamenti dell’ambiente anche se ormai compromesso dalla discarica appena fuori il centro città.
    Complimenti a tutti

I commenti sono chiusi