PARCO SIRENTE VELINO, FINA: SENTENZA PREVEDIBILE, ORA NUOVO INIZIO

“Era più che prevedibile la bocciatura da parte della Corte costituzionale della riperimetrazione, ovvero della riduzione, del Parco Sirente – Velino che era stata disposta dalla Regione Abruzzo”: lo dichiara Michele Fina, segretario del Partito Democratico abruzzese. Fina sottolinea: “Tutto questo mostra che la decisione era figlia di un’improvvisazione incompetente. Certamente i sindaci hanno raccolto un comprensibile disagio di fronte ad inefficienze nella valorizzazione e nel sostegno al parco regionale; vincoli certi ed opportunità incerte o assenti. Ma la risposta non era e non è la riperimetrazione. Per questo ci siamo battuti contro quella scelta. Ora sia un nuovo inizio, a cui intendiamo partecipare: chi oggi gestisce e guida il Parco lamenta la disparità di strumenti e risorse tra aree protette regionali e nazionali. Vero ma allora perché si è archiviata sbrigativamente la discussione sulla possibilità di trasformare il Sirente – Velino nel quarto parco nazionale abruzzese (o quinto se si considera anche l’istituendo parco della Costa Teatina)? Bisognerebbe risolvere i problemi e superare le frustrazioni trovando una soluzione guardando più avanti e non tornando indietro. Chiederemo a tutti gli attori in campo di confrontarsi senza spirito di appartenenza”.

One thought on “PARCO SIRENTE VELINO, FINA: SENTENZA PREVEDIBILE, ORA NUOVO INIZIO

  • 28 Novembre 2022 in 17:25
    Permalink

    Medaglia d’oro: FINA Michele – PD

I commenti sono chiusi