PROGETTO POLO OVIDIO, DI PIERO: UN RISULTATO IMPORTANTE PER LA CITTA’ UNENDO SCUOLA E AMBIENTE

Un risultato importante per la città, l’accoglienza in primavera di oltre un migliaio di studenti, provenienti da ogni parte d’Italia, per il progetto Mountain of Data. A sottolineare il risultato ottenuto dal progetto promosso dal Polo Liceale Ovidio è il sindaco Gianfranco Di Piero.  “Apprendiamo con soddisfazione di questa iniziativa annunciata dalla Dirigente scolastica del Polo Liceale Ovidio, Caterina Fantauzzi. Infatti il progetto vede al centro la nostra città che nella prossima primavera accoglierà oltre un migliaio di studenti protagonisti del progetto e provenienti da ogni parte d’Italia” scrive Di Piero. “A nome dell’amministrazione comunale esprimo congratulazioni alla dirigente scolastica e ai suoi collaboratori per il risultato ottenuto, collocando il progetto elaborato ai primi posti nella classifica nazionale” sottolinea il sindaco. “Il progetto di cui è capofila il Polo Liceale Ovidio ha come suoi partner il Comune di Sulmona, l’Ente Parco Maiella, l’Ente Parco d’Abruzzo ed istituzioni accademiche nazionali ed internazionali. Per la città di Sulmona, cuore del sistema di Parchi nazionali e regionali e di Riserve naturali, che valorizzano il patrimonio ambientale dell’intero suo territorio, è di fondamentale significato il fatto che Mountain of Data sia fondato sul trinomio Natura, Sport e Tecnologia, motore  di tutte le attività laboratoriali rivolte ai docenti e agli studenti” nota Di Piero concludendo.

un commento su “PROGETTO POLO OVIDIO, DI PIERO: UN RISULTATO IMPORTANTE PER LA CITTA’ UNENDO SCUOLA E AMBIENTE

  • 18 Novembre 2022 in 17:47
    Permalink

    Per piacere fate che non perdano l’occasione di studiare l’impatto ambientale della discarica del Cogesa nel bel mezzo di riserve e parchi naturali senza chiaramente menzionare l’inquinamento delle falde acquifere già in stato avanzato e presente sia a monte che a valle.
    E sai che vi dico dovrebbero pure studiare l’impatto sul benessere della popolazione raccogliendo campioni da abitanti ancora vivi.
    Finalmente qualche cosa di positivo per questa ormai rovinata valle Peligna.

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *