LA ASL INVIA CARTELLE ESATTORIALI ANCHE AI MORTI PER PRESTAZIONI NON PAGATE

C’è il Governo che si dice pronto ad annullarle, almeno quelle fino a 1000 euro e chi, come la ASL, va in controtendenza inviando cartelle esattoriali anche ai morti. Tanta confusione e un nugolo di proteste sta suscitando la nuova iniziativa della Asl mirata a fare cassa; fibrillazione e preoccupazione soprattutto tra le persone anziane. Stanno arrivando in questi giorni nelle cassette postali di centinaia di persone i solleciti di pagamento per i ticket sanitari che nei registri della ASL, risultano non pagati. Ma nell’ effettuare le relative spedizioni non sarebbero stati fatti i preventivi controlli, tanto che nel lungo elenco dei morosi, è stato inserito anche chi, nel frattempo, è passato a miglior vita e  persone che erano state esentate dal pagamento del ticket. Il recupero crediti, avviato dalla Asl, dovrebbe riferirsi alle prestazioni di pronto soccorso con codice verde che gli utenti avrebbero dovuto pagare entro 15 giorni dalla prestazione ricevuta. Insomma il sistema avrebbe generato non poca confusione senza contare che l’Asl avrebbe potuto attivare un sistema di sollecito dei pagamenti per prestazioni pregresse prima di ricorrere alla procedura dell’Agenzia delle Entrate che richiede la formale opposizione con un aggravio di costi e tempo da parte dei pazienti, soprattutto quelli fragili. L’ennesima dimostrazione di un sistema che non funziona proprio per le carenze organizzative con le quali deve fare ancora i conti la ASL. È da tempo che dal Tribunale del malato si chiede la riattivazione dell’ufficio di relazioni con l’utenza e l’attivazione del fascicolo elettronico che darebbe modo a tutti i pazienti di tenere sotto controllo il suo percorso clinico e sanitario.

2 commenti riguardo “LA ASL INVIA CARTELLE ESATTORIALI ANCHE AI MORTI PER PRESTAZIONI NON PAGATE

  • 18 Novembre 2022 in 15:02
    Permalink

    bene,l’italietta dei politicialtroni e loro indicati,degli incapaci,inutili agli scopi ed interessi di cui il mandato ricevuto : il Bene Comune,che fare? Subito la legge dei fireblaster-burattino,e basta,o no?

    Risposta
  • 18 Novembre 2022 in 08:52
    Permalink

    Ecco che parte “l’azione punitiva” dell’ASL in risposta alle lamentele ultime mosse dai cittadini, anche se certamente l’azione di recupero è partito da tempo… ma non da molto!!!
    Un pò lentini nel reclamare anche il giusto, ma il segnale è “pesantemente eloquente”!
    E vediamo un pò se continuate a lamentarvi ora!

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *