CONDANNATI DUE NO SNAM, IMBRATTARONO I MURI DI SULMONA DURANTE UNA MANIFESTAZIONE CONTRO LA CENTRALE

In occasione della manifestazione contro la realizzazione della centrale SNAM di Case Pente, ebbero la brillante idea di imbrattare i muri lungo corso Ovidio con della vernice. Ieri due giovani, Mattia Di Marco e Gianluigi Bonaventura entrambi di Pescara, sono finiti davanti al giudice monocratico che a termine del dibattimento li ha condannati, rispettivamente, alla pena di sette e mesi mesi di reclusione (pena sospesa) solo per il primo, oltre al pagamento delle spese processuali. Tre i reati contestati ai due giovani imputati: deturpamento e imbrattamento di cose altrui, rifiuto d’indicazioni sulla propria identità personale, resistenza e minaccia a pubblico ufficiale. Secondo l’imputazione i due, utilizzando una bomboletta spray, avrebbero imbrattato le pareti di Corso Ovidio con la scritta: “fasci appesi no snam no snam la distruggeremo”, utilizzando un simbolo di matrice anarchica. Entrambi avrebbero inoltre opposto resistenza agli operatori della Digos che stavano procedendo all’identificazione, senza fornire le proprie generalità. Alla manifestazione del 21 aprile 2018 parteciparono circa 12 mila persone per dire no all’insediamento della centrale e alla realizzazione del metanodotto che però sono stati ora autorizzati dal governo.

un commento su “CONDANNATI DUE NO SNAM, IMBRATTARONO I MURI DI SULMONA DURANTE UNA MANIFESTAZIONE CONTRO LA CENTRALE

  • 17 Novembre 2022 in 09:09
    Permalink

    Giustamente puniti ma già così consapevoli dell’ambiente!!!!
    Scommetto che gli amministratori del Cogesa presto a processo non avranno di questi problemi per aver avvelenato la valle Peligna.

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *