CIRO PACE TERMINA LA NUOVA IMPRESA, 6MILA KM TRA LE CITTA’ GEMELLATE CON SULMONA

Due mesi e tre giorni in bicicletta percorrendo le località dell’Europa gemellate con Sulmona: Zante, Costanza e Burghausen. E’ la nuova impresa del ciclista amatoriale Ciro Pace che ha realizzato un sogno coltivato insieme all’amico Fernando Ranalli, presidente della Fci provinciale scomparso nel luglio 2021. Partito il 1° settembre, nel giorno del suo compleanno, è arrivato oggi ad Augusta, in Baviera, una delle città più antiche della Germania.

Ciro Pace nel suo lungo viaggio di circa 6mila chilometri ha attraversato diverse nazioni: Croazia, Bosnia, Montenegro, Albania, Serbia, Grecia, Turchia, Bulgaria, Romania, Ungheria, Austria e Germania. Nelle varie tappe è stato accolto da un consigliere comunale di Durazzo, Floreta Kèrtusha e dal consigliere del Comune di Ovidiu (dove il sommo poeta visse i suoi ultimi giorni di vita) Adrian Lazar. Inoltre a Costanza, guidato da Mariana Bortos, ha incontrato il consigliere degli affari internazionali, Dorin Popescu. A Zante la visita e’ stata organizzata tramite il capitano del Sestiere di Porta Japasseri, Antonio Cinque, mentre a Burghausen è stata una piacevole coincidenza incontrare il sindaco di Sulmona, Gianfranco Di Piero, il presidente del consiglio, Cristiano Gerosolimo, il consigliere comunale, Francesco Perrotta, ed il capitano del Borgo San Panfilo, Paolo Alessandroni, che si trovavano nella città bavarese per l’evento tra tutte le città gemellate con Burghausen. Il ciclista amatoriale ha avuto modo di valicare la meravigliosa e tortuosa “Transfăgărășan” (raggiungendo oltre 2mila metri di altezza) di visitare la casa di Hitler a Monaco di Baviera e poi ancora il Campo di concentramento di Mauthausen, Medjugorje e l’isola di Pag, indossando anche la maglia con la scritta “Giro Pace” per sottolineare che, nonostante la minaccia della guerra dietro l’angolo, è stato aiutato da tante persone di nazionalità diverse perché “siamo tutti fratelli”, afferma Ciro Pace che ha inteso portare avanti il messaggio di Fernando Ranalli secondo il quale attraverso il cicloturismo si riescono a scoprire tante belle realtà. Quella di Augusta è stata l’ultima tappa della sua impresa.

La casa di Hitler

“Ho realizzato quello che voleva Fernando. Insieme a lui ho studiato questo lungo tragitto che mi ha portato nelle città gemellate con Sulmona”, conclude Ciro Pace che a Burghausen ha ricevuto la promessa del primo cittadino, Gianfranco Di Piero, ad organizzare una cerimonia a Sulmona per illustrare il lungo viaggio con il supporto delle immagini.

Domenico Verlingieri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *