OGGI 1 NOVEMBRE, TORNA LA TRADIZIONALE PROCESSIONE DEDICATA AI DEFUNTI

Torna la tradizionale processione di Ognissanti. Dopo le edizioni annullate e in tono minore degli ultimi anni segnate dalla pandemia, l’Arciconfraternita della SS. Trinità torna a organizzare al meglio una delle tradizioni più sentite dai sulmonesi. L’inizio della processione è previsto alle ore 13.30, dalla chiesa della SS.Trinità con arrivo al Cimitero alle 15, dove il vescovo monsignor Michele Fusco celebrerà la santa messa. Il sindaco, Gianfranco Di Piero, all’ingresso del cimitero, deporrà una corona in omaggio ai Caduti di tutte le guerre. Inoltre per la giornata di oggi sono state previste corse straordinarie dei bus comunali con un piano di viabilità pianificato al dettaglio e controlli intensificati sul territorio da parte delle forze dell’ordine. La linea As osserva i seguenti orari: 9.05, 10.35, 12.05, 15.35 e 17.05; il tragitto previsto è stazione, viale Stazione, viale Roosevelt, viale Matteotti, via Pescara (rotonda Arpa), via Lamaccio, via Sallustio, viale Costanza, via Cornacchiola, piazza Capograssi, viale Papa Giovanni XXIII, via Iapasseri, via Circonvallazione orientale, piazza Garibaldi, ospedale, cimitero. Gli orari della linea Acim invece sono 9.50, 11.20, 13.10, 16.20 e 17.45; il percorso si snoda lungo cimitero, Incoronata, ospedale, piazza Garibaldi, via Circonvallazione orientale, viale Matteotti, viale Stazione, stazione centrale.
Ma, terminato il periodo che il calendario e la tradizione riserva alle celebrazioni dei defunti, le attenzioni verso il cimitero da parte dell’amministrazione comunale non finiranno perché nelle intenzioni del sindaco e del suo esecutivo c’è una vera e propria mini rivoluzione che mira a rendere più decoroso e fruibile il camposanto cittadino. Oltre a regolamentare i permessi che saranno ridotti così come è stato fatto per il centro storico, tutelando le persone fragili che non possono deambulare, anche con l’acquisto di navette elettriche più silenziose e meno inquinanti rispetto alle auto (il Comune ne ha autorizzate 150)che attualmente possono circolare all’interno del cimitero. Gli altri progetti di riqualificazione e ammodernamento prevedono l’installazione di totem per la cosiddetta mappa digitale delle tombe e un’area per lo spargimento delle ceneri, in linea con la normativa di riferimento. Quindi
la riqualificazione della Cappella Mazzara da sempre simbolo e fiore all’occhiello  del cimitero, ora ridotta ad un cumulo di macerie a seguito dell’abbandono e delle decine di furti di cui è stata oggetto negli ultimi anni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *