PARROCO FERITO NEL BOSCO DI NAVELLI: E’ GRAVE, I CARABINIERI DI SULMONA INDAGANO

Indagano i carabinieri della compagnia di Sulmona sull’episodio avvenuto ieri mattina e avvolto da mistero che ha coinvolto don Massimiliano De Simone, ex parroco di Navelli, ferito da un proiettile, pare esploso da una pistola da lui regolarmente detenuta. Il sacerdote è ora  ricoverato in gravi condizioni nell’ospedale Mazzini di Teramo. Il fatto è avvenuto nel bosco Santucci del piccolo centro aquilano. Don De Simone è stato cappellano del carcere dell’Aquila quando in quel penitenziario era detenuto il boss mafioso Gaspare Spatuzza. Il sindaco di Navelli, Paolo Federico, ha spiegato che don Massimiliano ha telefonato a una donna intorno alle 8.30 della mattina per chiedere aiuto ed è stato trasportato subito in ospedale dal personale del 118 arrivato sul posto. Secondo quanto riferisce il titolare di un bar, alle 6.30 il sacerdote ha fatto colazione nel locale e gli ha riferito di essere tornato da poco nel paese. Alcuni mesi fa l’arcivescovo dell’Aquila Giuseppe Petrocchi aveva posto il parroco in prepensionamento per motivi di salute.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *