È ORIGINARIA DI INTRODACQUA ILARIA MAIORANO, LA 41ENNE UCCISA DI BOTTE DAL MARITO NELLE MARCHE

È originaria di Introdacqua Ilaria Maiorano, la donna di 41 anni residente a Padiglione di Osimo in provincia di Ancona, trovata morta in casa con segni di percosse sul corpo. Il delitto, secondo i primi riscontri degli investigatori, sarebbe maturato al culmine di un litigio con il marito, 42enne di origine marocchina, ora in stato di fermo con l’accusa di omicidio volontario. Silvana, madre di Ilaria è nata e cresciuta a Introdacqua prima di trasferirsi nelle Marche e la tragica fine della figlia ha sconvolto il piccolo centro della Valle Peligna ai piedi del Monte Genzana, dove risiedono ancora molti parenti e in tanti ricordano la famiglia. Sulla tragica vicenda, la seconda nel giro di poco tempo dopo quella di Teodora Casasanta e del piccolo Ludovico, che coinvolge paesi della Valle Peligna, è intervenuta anche la  consigliera comunale  di Sulmona Libera e Forte, Teresa Nannarone: “Per quanto tempo ancora dobbiamo fermarci a contare le vittime? Per quanto tempo ancora dobbiamo trattenere il respiro davanti alle notizie dei telegiornali che quotidianamente ci informano della mattanza delle donne in Italia? E quante le donne della nostra terra vittime di violenze fino a morire?, si chiede l’esponente di Sulmona Libera e Forte. “Dopo Teodora, solo lo scorso anno, ora Ilaria, entrambe uccise in maniera efferata. È inaccettabile. Le violenze commesse ai danni delle donne in quanto tali, siano esse fisiche o psicologiche, sono un problema di tutti la collettività, ignorarle è una colpa grave. Ilaria lascia due bimbi piccoli, a loro, alla famiglia di origine e a tutta la comunità di Introdacqua, Sindaco in primis, la solidarietà affettuosa e profondamente sentita da tutto il gruppo consiliare “Sulmona Libera e Forte”.