TORNA A SALIRE IL CONTAGIO DA CORONAVIRUS, COME DIFENDERSI DA INFEZIONE

di Gianvincenzo D’Andrea La ricomparsa, davanti alle farmacie, delle file di persone in attesa di effettuare il test anti COVID ( o di ricevere il risultato dell’esame), dimostra in modo inequivocabile la risalita del numero dei contagi della pandemia.
Come ho già detto in altre occasioni il Sars CoV2 non scomparirà a breve e grazie all’elevata contagiosità delle ultime varianti Omicron colpirà ancora tantissime persone. Fortunatamente la protezione immunitaria creata dai vaccini , nei soggetti che hanno ricevuto le dosi prescritte,  e la disponibilità di farmaci in grado di contrastare in modo efficace la moltiplicazione virale fanno sì che, in caso di infezione, la malattia evolva in forma grave solo in rari casi.
E  questo è  sicuramente un grande vantaggio. Rimane però il fatto che anche nei vaccinati e/o nelle persone che non hanno malattie concomitanti il contatto con il virus Sars CoV2 può provocare non soltanto  sintomi similinfluenzali ma anche diverse  conseguenze spiacevoli che vanno dalla perdita temporanea ( fino ad   alcuni mesi) dell’olfatto e/o del gusto  all’insorgenza della “sindrome long- COVID”.
Come proteggersi allora? 1) Innanzitutto ricordando  di mettere in pratica le buone regole di prevenzione dell’infezione a cominciare dall’uso della mascherina FFP2 negli ambienti al chiuso o in caso di contatto ravvicinato e prolungato con estranei al proprio nucleo familiare. 2) Vaccinandosi,poi, con le dosi di richiamo alle scadenze raccomandate dal Ministero della Salute. 3) Isolandosi ( o isolando i sospetti ) in caso di comparsa di sintomi influenzali (respiratori o gastrointestinali) ed effettuare i test  per la diagnosi della malattia COVID usando preferibilmente quelli delle farmacie  o dei centri ASL che hanno una sensibilità assai maggiore rispetto a quelli ” fai da te”.4) Rivolgendosi al proprio medico per ottenere fin da subito la prescrizione di farmaci in grado di ridurre in modo significativo la gravità  della malattia. 5) Evitando di curarsi da sé in base ai suggerimenti (spesso sbagliati) che si trovano sulla rete. Come si vede si tratta di suggerimenti molto semplici e facili da mettere in pratica per risparmiarsi non pochi fastidi.Allora che vantaggio c’è a non rispettarli sapendo di creare problemi di salute a se stessi…..ed agli altri?