“TRIBUNALI DA SALVARE, PRIORITA’ DELLA LEGISLATURA”, LA PROMESSA DEL SENATORE FINA

“Non appena sarò entrato in carica e non appena sarà possibile farlo da senatore, dopo averci lavorato a lungo come segretario regionale del Partito Democratico e nei ruoli precedenti, chiederò al Ministero della Giustizia di lavorare a una soluzione definitiva della vicenda dei tribunali di Avezzano, Lanciano, Sulmona e Vasto”: lo dichiara Michele Fina, segretario del Pd Abruzzo, eletto al Senato”. E’ questa la promessa del neoeletto senatore Pd, Michele Fina, a proposito della vertenza-tribunali. Fina ricorda che “la recente proroga ottenuta sino alla fine del 2023 è stata evidentemente l’ennesima soluzione temporanea: occorre un provvedimento che dia carattere strutturale e permanente a questi importanti presidi di giustizia, e occorre al più presto, perché solo così potranno essere nelle condizioni di programmare il loro lavoro. Ne sono la dimostrazione le difficoltà che si stanno incontrando ad esempio ad Avezzano, nel cui tribunale la carenza di personale è imputabile, emerge, proprio alla transitorietà della soluzione adottata, che è stata il massimo che abbiamo potuto ottenere in quel momento. Condividiamo e sosteniamo la protesta degli avvocati di Avezzano, oltre naturalmente alle altre iniziative di sensibilizzazione che si sono attuate, si attuano e si attueranno in quella e nelle altre tre sedi. La soluzione strutturale per i quattro tribunali la considero una priorità di questa legislatura” conclude il parlamentare dem.

2 commenti riguardo ““TRIBUNALI DA SALVARE, PRIORITA’ DELLA LEGISLATURA”, LA PROMESSA DEL SENATORE FINA

  • 7 Ottobre 2022 in 11:59
    Permalink

    be lui sarà il meglio di questi 10 anni del decreto che ha ridistribuito la geografia giudiziaria,per cui abbiamo trovato il salvatore dei 4 tribunali MINORI…
    i suoi predecessori non sono serviti a nulla? (pezzopane compresa)
    questo se lo dovrà vedere la MELONI….!!!

  • 4 Ottobre 2022 in 19:21
    Permalink

    Noi ci ricordiamo di tutte le promesse e le persone che hanno promesso, con l’augurio che anche queste non siano parole al vento.

I commenti sono chiusi