LA GIUSTIZIA GIUSTA

Era finito sotto processo per aver maltrattato la moglie e per averle procurato  lesioni a una costola dopo averla spinta con violenza e fatta cadere sul pavimento. Tutto questo in presenza della figlia minore. Oggi il giudice monocratico del tribunale di Sulmona, Francesca Pinacchio, lo ha assolto perché il fatto non sussiste. Una giustizia giusta quella andata in scena questa mattina nel tribunale di Sulmona. Un giudice che, nel corso del dibattimento, è riuscito a capire che quella situazione difficile e pericolosa che aveva  innescato il processo in atto, non c’era più e che, nel frattempo, la coppia si era riavvicinata, tanto che la moglie aveva ritirato la querela nei confronti del marito. Non è importante conoscere il nome dell’imputato di Sulmona che nel processo è stato difeso dall’avvocato Alessandro Margiotta. È importante invece sottolineare che, almeno in questo caso, bisogna fare un grande applauso ai protagonisti coinvolti nella vicenda giudiziaria, che hanno saputo mettere una pietra sopra a incomprensioni e litigi. Come bisogna riconoscere i giusti meriti a un giudice che ha capito che un’eventuale condanna dell’imputato poteva rimettere tutto in discussione, anche il futuro di una bambina che vuole diventare grande insieme ai suoi genitori.

un commento su “LA GIUSTIZIA GIUSTA

  • 5 Ottobre 2022 in 13:51
    Permalink

    Speriamo che la donna non abbia ritirato la denuncia per paura o perché costretta. Speriamo che sia così come c’è scritto nell’articolo.

I commenti sono chiusi