GUARDIA GIURATA CONTRO GUARD RAIL, SETTE DIPENDENTI DELL’ANAS A PROCESSO PER OMICIDIO COLPOSO

Stava effettuando il solito giro d’ispezione per conto dell’Ivri  a bordo dell’auto di servizio, quando avrebbe perso il controllo della propria autovettura finendo contro il guardrail. Era il 17 luglio quando si verificò l’impatto fatale in cui perse la vita Enzo Casaburi, guardia giurata di soli 22 anni originario di Mercato San Severino in provincia di Salerno. Ieri il Gup del Tribunale di Sulmona, Giovanni De Rensis, ha rinviato a giudizio sette persone, tutte con l’accusa di concorso in omicidio colposo. Tra gli imputati figurano anche alcuni dirigenti dell’Anas e in particolare due dirigenti del centro di manutenzione del tratto stradale, per le diverse aree di competenza, due capi nucleo, due sorveglianti e il progettista dei lavori di adeguamento delle barriere di sicurezza. Per la Procura i sette avrebbero concorso a determinare la morte dell’automobilista conseguente a un grave trauma toraco-addominale. La prima udienza del processo è stata fissata al 16 aprile del 2023 davanti al giudice monocratico.