CAMPAGNA ELETTORALE “OSCURATA” PER ANVERSA E COCULLO

Da settimane ormai per i paesi della Valle Sagittario sono state oscurate le frequenze di Mediaset e di tutte le altre televisioni, fatta eccezione per le tre reti Rai e Rainews 24. Una campagna elettorale “al buio” dunque quella vissuta dai residenti, come fanno notare i sindaci di Anversa degli Abruzzi e Cocullo, Gianni Di Cesare e Sandro Chiocchio. “Facendo seguito alle note trasmesse a mezzo stampa nei mesi scorsi si ritiene opportuno stimolare una riflessione, che si spera possa essere profonda, rispetto al problema dello spegnimento dei ripetitori TV nei piccoli comuni montani a seguito del cambio frequenze per il passaggio al DVB-T2, problema che, tra le altre criticità già precedentemente esposte, non consentirà ai cittadini di questi territori di esprimere un voto consapevole il prossimo 25 settembre a causa della pressoché totale mancanza di una informazione al minimo plurale – affermano i due sindaci -E’ inconcepibile pensare che, nell’era della comunicazione, nei piccoli comuni interessati dallo spegnimento dei ripetitori Tv i cittadini, ed in particolare gli anziani che rappresentano un’ampia fetta della popolazione residente, nonché coloro maggiormente legati al “rito” elettorale come elemento identitario sociale e culturale fondamentale, non possano fruire delle informazioni necessarie ad orientarsi in questa campagna elettorale e non potranno esercitare appieno il proprio diritto di voto, avendo a disposizione esclusivamente 4 canali Tv Rai”. “Al danno che si è venuto a creare si aggiunge la beffa per tutti coloro che nei mesi scorsi hanno provveduto all’adeguamento dei propri impianti televisivi, con sforzi economici rilevanti in particolare in questo periodo di profonda crisi per famiglie ed imprese, e che ad oggi si ritrovano ad avere un servizio televisivo totalmente inadeguato, per non dire inesistente, nell’attesa che possano attuarsi le soluzioni messe in campo dalle amministrazioni locali, che comporteranno ulteriori oneri a carico dei comuni sia di tipo economico che di gestione, a meno di mettere nuovamente mano al portafogli, in molti casi ormai vuoto, per dotarsi di sistemi di ricezione satellitare Tvsat” concludono Di Cesare e Chiocchio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.