CICLISTA DI 57 ANNI FINISCE IN OSPEDALE A CAUSA DELLA STRADA DISSESTATA

Ancora cadute sulle strade dissestate di Sulmona. Ieri è toccato a un ciclista che stava facendo il solito giro in sella alla sua e-Bike finire sull’asfalto a causa di un dosso non segnalato mentre stava percorrendo via Pola. Soccorso da alcuni passanti il ciclista che ha 57enne anni, non ha perso mai conoscenza ma ha subito capito che si era fratturato qualcosa sulla parte superiore del tronco. Trasportato in ospedale dall’ambulanza del 118 subito accorsa sul posto, è stato sottoposto alle cure del caso dalle quali sono emerse la lussazione della spalla e la frattura di una clavicola. Situazione clinica piuttosto complicata che ha reso necessario il ricovero dell’uomo nel reparto di ortopedia in attesa di un intervento chirurgico, che sarà effettuato nei prossimi giorni. Insomma una nuova caduta che va ad allungare la lunga lista degli infortuni subiti dai sulmonesi a causa delle strade rovinate e piene di buche, che oltre a provocare infortuni anche gravi ai cittadini, stanno creando notevoli problemi anche alle casse del comune per via dei risarcimenti che l’ente è continuamente chiamato a pagare.

Solo nell’ ultimo Consiglio Comunale sono stati riconosciuti debiti fuori bilancio per 37 mila euro. Ora il Comune sta cercando di ricorrere ai ripari avviando il rifacimento del manto stradale delle vie più dissestate. Un primo cantiere è stato aperto in via Montesanto, ma nuovi problemi sono in arrivo con i lavori predisposti dalla TIM per l’allaccio della fibra ottica in molte zone della città. Scavi che provocheranno nuovi problemi a strade e piazze,anche in quelle dove l’asfalto si trova in ottime condizioni o è stato rifatto da poco.

4 commenti riguardo “CICLISTA DI 57 ANNI FINISCE IN OSPEDALE A CAUSA DELLA STRADA DISSESTATA

  • 7 Settembre 2022 in 09:09
    Permalink

    Secondo me il ciclista sapeva benissimo della buca, voleva solo accaparrarsi un risarcimento.

    • 9 Settembre 2022 in 01:20
      Permalink

      Il lupo di mala coscienza come lui fa così (degli altri)pensa.

  • 7 Settembre 2022 in 08:36
    Permalink

    Ma quando una ditta effettua scavi per profitti propri… per quale arcano motivo non è obbligato a ripristinare anche il manto stradale?
    Solo il privato cittadino (o meglio suddito) è obbligato al ripristino?

    • 7 Settembre 2022 in 13:11
      Permalink

      Nel caso specifico la “manomissione del suolo pubblico” e suo ripristino dipende dagli accordi presi con il Comune.
      Il “Servizio lavori pubblici e manutenzioni” potrà dirne certamente di più.

I commenti sono chiusi