GRATTERI, PER D’ALESSANDRO “L’ATTACCO DI CARUGNO E’ GRAVE E SCOMPOSTO”

Continua a far rumore la sortita del candidato socialista del centrosinistra, Massimo Carugno, sul conto del procurarore della Repubblica, Nicola Gratteri. Anche Camillo D’Alessandro, deputato uscente di Italia Viva e candidato al Senato, attacca Carugno. “Sono un iper garantista, mi sono battuto a favore dei referendum sulla giustizia, non si tratta di condividere il pensiero o meno del singolo magistrato, ma considero oltremodo grave e scomposto che il candidato all’uninominale in Abruzzo del centrosinistra Massimo Carugno, attacchi il magistrato sotto scorta Gratteri ed a nulla valgono i distinguo” afferma D’Alessandro. “Ogni voto dato al Pd, alla sinistra, a +Europa o a Di Maio vanno direttamente al loro candidato all’uninominale Massimo Carugno. C’è una sola scelta in Abruzzo, tra manettari dei 5Stelle e anti magistrati, quella della serietà, del fronte garantista che si fonda nel rispetto dell’autonomia dei poteri e dell’indipendenza della magistratura, il terzo polo” sostiene l’esponente Iv. “I riformisti  e moderati del centrosinistra in Abruzzo non possono con il loro voto annullare le loro idee, la loro identità, in Abruzzo hanno la soluzione. Il voto utile in Abruzzo è alla lista Calenda. Non si capisce – conclude D’Alessandro – che cosa intenda il candidato del centrosinistra quando si augura una “bella ripulita alla democrazia” riferito al lavoro di un magistrato al fronte. Tutto troppo grave” conclude D’Alessandro.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.