IN UN LIBRO DEL SULMONESE PIERLUIGI FRANCO LA VICENDA POLITICA DI GORBACIOV

La parabola politica di Mikhail Gorbaciov, morto due giorni fa, a 91 anni, viene tracciata dal giornalista sulmonese dell’agenzia Ansa, Pierluigi Franco in “Gorbačëv. Il furbo ingenuo. Una storia non agiografica alle origini della crisi mondiale (e ucraina)” in uscita a fine settembre per Rubbettino. Dalle origini contadine ai vertici del Politburo e poi dell’intero blocco sovietico fino alla dissoluzione dello stesso e al lungo periodo di instabilità post muro, viene ripercorsa la storia dell’ex presidente dell’Unione Sovietica e Premio Nobel per la Pace che ha un collegamento molto forte, secondo Franco, con Putin la cui ascesa è stata resa possibile unicamente da una transizione non democratica. “La disgregazione dell’antico impero russo-sovietico – scrive Franco – si è dimostrata il vero danno per il mondo, come Thatcher e Bush avevano temuto. Un danno di cui anche l’Occidente sta pagando le pesanti conseguenze e continuerà a pagarle. I rischi aperti dall’era Gorbaciov sono sfociati in invasioni e conflitti che l’Europa aveva dimenticato finché ha vissuto all’ombra protettiva della stabilità di Yalta. Sarebbe stato senz’altro meglio avviare un processo di democratizzazione a Est mantenendo gli equilibri del mondo. Cosa che Gorbaciov non è riuscito a fare. Tirando le somme si può dire che l’uomo che voleva favorire la pace, sbagliando politica ha involontariamente favorito la guerra. E il dramma dell’Ucraina ne è la dimostrazione più tragica”. Nel libro, dedicato a Demetrio Volcic, storico corrispondente Rai da Mosca, Pierluigi Franco, già corrispondente Ansa dal Medio Oriente, sostiene anche che “per troppi aspetti Gorbaciov resta ancora una specie di mistero. Quel furbissimo uomo che era riuscito a scalare a tempo di record tutti i gradini della politica sovietica, sul fronte della gestione interna ed esterna mostrò una incredibile e straordinaria ingenuità. Viene da chiedersi secondo quale logica si sia circondato di personaggi di una mediocrità tanto evidente e sconfortante. E c’è ancora chi si chiede cosa significasse davvero perestrojka”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.