TROUPE FRANCESE A RAIANO PER REPORTAGE SU NESTORE DEL BOCCIO, ARTISTA E FUMETTISTA

Una troupe cinematografica francese sarà domenica prossima, 28 agosto, a Raiano, per un reportage sull’attività dell’artista Nestore Del Boccio, pittore e disegnatore di fumetti. Un’attività quella del raianese Del Boccio che da sempre ha varcato i confini regionali e nazionali. Del Boccio annovera al suo attivo l’essere autore di fumetti Pulp, trash, hard, che hanno ottenuto grande successo in Francia, negli anni ‘70-90. Il lavoro della troupe francese è finalizzato alla realizzazione di un film documentario sugli autori italiani di questo linguaggio. “Si trattava di una produzione che apriva mondi repressi da una cultura di stampo medievistico dando oggettivazione a sogni e desideri, con una interpretazione, in molti casi, da commedia all’italiana. La produzione veniva realizzata a Milano da due personaggi editoriali come Cavedon e Barbieri, i quali, nel ‘64-65, partiti insieme si divisero creando due grandi case editrici del settore: Ediperiodici e Edifumetto” ricorda l’artista Del Boccio. Una produzione che poi venne pubblicata in Francia e in molti paesi francofoni, come Canada, Belgio e tanti altri, da Evilfrance e Novel Press. L’iniziativa viene da un ex editore di Orleans, città di Giovanna D’Arco, il quale, scoprendo questo mondo dalla “libertà sconfinata”, ha deciso di realizzare un film documentario sulla vita artistica degli autori di questo linguaggio “letterario-disegnato”, ingaggiando una troupe cinematografica. Il nome delll’impresario di questa iniziativa è Florian Hien, coadiuvato da un regista Italo-francese, Simone Cinelli, un cameramen Alexandre Tardif, un esperto di fumetti, Josseline Macke, ed altri personaggi. Ci sarà anche la direttrice dell’agenzia scientifica di fumetti,Riva Illustrations, Fiammetta Ghedini. Il film sarà lanciato sul mercato e presentato in tutti i festival del settore.

Un pensiero su “TROUPE FRANCESE A RAIANO PER REPORTAGE SU NESTORE DEL BOCCIO, ARTISTA E FUMETTISTA

  • 25 Agosto 2022 in 19:29
    Permalink

    Ho un ottimo ricordo di quando era in servizio nella appena inaugurata nuova scuola media Ovidio e dalla sua meravigliosa penna uscivano capolavori “stilistici” unici.

I commenti sono chiusi