OLTRE 5MLN DI EURO PER PROGETTO SACA DA PNRR

La Saca si aggiudica un finanziamento Pnrr di oltre cinque milioni di euro per la digitalizzazione delle reti idriche dei Comuni principali. I centri interessati più da vicino sono Sulmona e Pratola Peligna e quei comuni, serviti dall’acquedotto Surriente, caratterizzati da un maggiore consumo energetico. Il progetto Saca è comparso nella graduatoria redatta dal Ministero delle Infrastrutture. L’ambito dell’intervento riguarda una sfera di oltre quarantamila abitanti, per un’estensione complessiva delle reti di circa 219 chilometri. L’attuazione degli interventi progettati consentirà la riduzione dei consumi energetici, la riduzione delle perdite idriche ed un miglioramento complessivo del funzionamento delle reti. Il Cda della società peligna ha espresso un vivo ringraziamento all’opera e all’impegno che ha visto protagonista l’ufficio programmazione e progettazione Saca, che ha quindi reso possibile questo importante risultato, che andrà a beneficio di tutta l’utenza della società.

5 pensieri su “OLTRE 5MLN DI EURO PER PROGETTO SACA DA PNRR

  • 27 Agosto 2022 in 15:00
    Permalink

    bene,chiacchiere per dare a credere,circa 270 i milioni destinati alla rete di distribuzione dell’oro blu,i politici e loro indicati ,inconcludenti amministratori spenderanno i denari dei contribuenti in progetti inutili, misuratori di che? Il problema vero sono le tubature decrepite,inefficiente,inefficace,inadeguata,inutile rete di distribuzione,disperde circa il 60 % dell’acqua ,quindi soddisfazione,plauso per cosa? Quali i risultati? Nulla e poi nulla,uno sperpero di risorse pubbliche,o no?

  • 26 Agosto 2022 in 10:57
    Permalink

    Spero che il progetto venga sorvegliato ad ogni passo,altrimenti farà la fine dell’acqua …

  • 25 Agosto 2022 in 23:04
    Permalink

    Concordo con temp.
    Il 50% dell’acqua che dal serbatoio arriva nelle nostre case si disperde nei meandri della nostra rete idrica….digitalizzare le perdite non diminuisce la bolletta dell’acqua

    • 5 Settembre 2022 in 18:45
      Permalink

      Spero la saca nn ascolti chi voleva uscire dal consorzio e ora pretende di mettere l amico di d Alfonso. Lo stesso sindaco voleva dare alla figlia d alfonsina l albergo diffuso su strutture comunali.pazzesco

  • 25 Agosto 2022 in 19:22
    Permalink

    Io avrei semplicemente rifatto i tratti di tubature vetuste per risparmiare i consumi, ma sembra che i bit siano di moda e che tappino tutto e ovunque e poi non vi è riscontro alcuno di… falle.
    Comunque l’importante è spendere oculatamente fino all’ultimo centesimo nei “dovuti giusti CANALI” che tutto andrà bene… forse andrà meno bene per la bolletta e vi dubito seriamente!

I commenti sono chiusi