IL FUOCO DEL MORRONE APRE LA 728ESIMA PERDONANZA CELESTINIANA

Sarà l’accensione del fuoco sul Morrone, davanti all’eremo che fu di Celestino V, ad aprire, come tradizione, la 728 edizione della Perdonanza celestiniana.  La fiaccolata, organizzata dall’Associazione celestiniana di Sulmona, si terrà martedì 16 agosto, all’imbrunire proprio dall’eremo che guarda la Valle Peligna. Una manifestazione che sarà finalmente restituita alla gente e ai devoti. Restituita perché, messo in sicurezza il sentiero, a seguito dell’intervento che ha interessato tutta l’area, tutti coloro che vorranno potranno salire sul piccolo santuario e da qui partecipare alla fiaccolata senza doverla aspettare a valle, come successo invece anche lo scorso anno. Anche se lungaggini burocratiche e rimpalli di responsabilità, legati alla variante al progetto dei lavori al piazzale (che attende un parere della Soprintendenza Sabap e il definitivo passaggio in giunta) di fatto tengono ancora chiuso il piazzale di accesso ai luoghi celestiniani, il sentiero è stato messo in sicurezza e pertanto è accessibile. “Dal momento che il sentiero è stato sistemato dal punto di vista della sicurezza”, spiega Giulio Mastrogiuseppe, presidente dell’Associazione Celestiniana, che organizza la fiaccolata, “in accordo con il direttore dei lavori, l’architetto Giovanni Campagna, consentiremo a tutti i tedofori di salire. Ci stiamo assumendo questa responsabilità e raccomandiamo come sempre a tutti la massima prudenza, ma si potrà di nuovo consentire a tutti di rivivere questo momento dell’accezione del fuoco sul Morrone”. L’appuntamento dei tedofori è nei pressi del sentiero alle 18.30. Poi si andrà su e all’imbrunire sarà acceso il fuoco che poi sarà portato a valle, ricordando ancora una volta quello che fu il messaggio di pace di Celestino V. Arriverà nel piazzale della chiesetta di San Pietro, nella frazione omonima, dove sarà acceso un tripode. Seguirà la benedizione del parroco, don Giacomo Tarullo, e il saluto delle autorità civili di Sulmona e Pratola. Questo appuntamento sancisce ancora una volta il profondo legame che collega il territorio peligni alla città dell’Aquila nel nome di Celestino V. Nei giorni successivi, infatti, mercoledì 17 e giovedì 18 agosto, il cammino del fuoco del Morrone ripartirà alla volta di Sulmona prima e di Pratola poi. Quest’anno più che mai il lascito spirituale e morale di Celestino V sono un momento di riflessione per tutti coloro che auspicano e credono nella pacifica convivenza di uomini e popoli. (a.c.)