TAGLIO DEL NASTRO PER LA CICLOVIDIA

Domani  25 giugno, in occasione del “Bici-trekking sul Vella – pedalata pomeridiana tra la CiclOvidia e la Ciclovia del Vella “, evento inserito nel cartellone estivo del Comune di Sulmona, sarà inaugurata la CiclOvidia alla presenza di amministratori comunali e del vescovo Michele Fusco. L’appuntamento è alle 15 in piazza XX settembre. Il tracciato della CiclOvidia  partendo dalla stazione centrale  raggiunge il centro di Sulmona attraversandolo tutto lungo il corso Ovidio e successivamente si snoda lungo una serie di strade secondarie che abbracciano la città con un anello ideale che raggiunge tutti i punti più importanti e significativi da un punto di vista storico, artistico e religioso. Ma la CiclOvidia costituisce anche il collegamento tra la stazione, il centro storico, la periferia e le frazioni di Sulmona, con un valore aggiunto di mobilità sostenibile, pronta per essere inserita in un quadro normativo più ampio ( Piano Urbano di Mobilità Sostenibile e Biciplan).  Infine, ma non meno importante, questo anello ciclabile costituisce il nucleo centrale di svariati altri percorsi, pronti per essere messi a regime, che interessano tutta la valle Peligna, sviluppandosi lungo il corso dei vari fiumi che rendono ricco il nostro territorio. Sempre domani, dopo il taglio del nastro della CiclOvidia, ci sarà l’inaugurazione del nuovo ponte ciclopedonale sul fiume Vella che finalmente riunirà i due tratti della ciclabile da qualche anno interrotta a causa del deterioramento della precedente struttura.  Parteciperemo, insieme ai rappresentanti del comune di Pacentro, a questo momento importante non solo per noi, che abbiamo visto realizzata la nostra richiesta di ripristino della ciclabile del Vella, ma per la comunità peligna tutta.

Un pensiero su “TAGLIO DEL NASTRO PER LA CICLOVIDIA

  • 24 Giugno 2022 in 18:41
    Permalink

    Ma che bella notizia! Con la speranza che sia solo l’inizio di un vero programma di mobilità sostenibile e di apertura di percorsi naturalistici che vedano come soggetti attivi sia i comuni interessati sia il Parco della Maiella.

I commenti sono chiusi