STALKING SU UNA DIPENDENTE, PROSCIOLTO L’EX COMMISSARIO DEL CONSORZIO DI BONIFICA IOVENITTI

Non ci fu stalking sul posto di lavoro. Il giudice per le udienze preliminari del Tribunale di Sulmona, Marta Sarnelli, ha prosciolto questa mattina l’ex Commissario del Consorzio di Bonifica Interno, Sergio Iovenitti, dalla pesante accusa di atti persecutori, con la sentenza di non luogo a procedere. Il procedimento penale è scaturito dalla denuncia della responsabile dell’area amministrativa dell’ente all’epoca dei fatti, ovvero il 2019 e il 2020, anni in cui Iovenitti ha traghettato il Consorzio dopo il commissariamento. Secondo l’imputazione lo stesso avrebbe posto in essere condotte di vessazione nei confronti della responsabile, con una serie di pressioni, emarginandola sul lavoro non affidandole mansioni, fino ad aggredirla verbalmente. Dalle prove testimoniali e dalla documentazione raccolta dagli avvocatori difensori di Iovenitti, Vittorio Masci e Gugliemo Santella, non è emerso alcun episodio di violenza specifica nè l’accusa è stata ritenuta solida per un rinvio a giudizio tant’è che la stessa Procura ha chiesto il proscioglimento in sede di discussione. “Un’indagine incompleta che lascia pensare ad un vulnus nell’attività investigativa. Avevamo indicato dei testi da sentire che erano a conoscenza degli episodi contestati all’imputato, ma non sono stati ascoltati”- commenta l’avvocato, Uberto Di Pillo, che ha rappresentato nell’udienza preliminare le ragioni della parte civile.

  • 23 Giugno 2022 in 15:29
    PermalinkCity name (optional, probably does not need a translation)

    Si assolve con molta semplicità ..visto che si fanno investigazioni…mirate..a ciò che si vuol far emergere ..perciò continuo a dire sto tribunale nn ha bisogno di proroghe, è già soppresso ,applicate la legge del 2012…e finisce sto scempio di negata Giustizia…..!!!!!!!!!! Poveri cittadini onesti…

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.