CAMPO DI GIOVE, IL SINDACO DI GESUALDO: SVOLTA NELLA POLITICA LOCALE CON CAMBIO GENERAZIONALE

Con Michele Di Gesualdo, eletto sindaco di Campo di Giove, saranno in Consiglio comunale Mattia Del Mastro, Manuela D’Amico, Matteo Di Marzio, Domenico Ciccone, Paolo Di Loreto, Marco De Vincentis, Matteo De Chellis, per la maggioranza. In minoranza Stefano Di Mascio, Antonio Tarulli e Donatella Capaldo. “E’ stata una vittoria sofferta e ancor più importante, con questa nuova maggioranza avviene un passaggio generazionale – ha commentato il neoeletto sindaco – come primo obiettivo il nostro è quello di ristabilire un clima di unità e di armonia nel paese, che come le elezioni confermano è oggi un paese diviso”. La nuova amministrazione lavorerà da subito per la stagione estiva alle porte e per dare nuovo e forte impulso al turismo, che da sempre è fonte economica importante per la comunità di Campo di Giove. “Per questo provvederemo subito a creare la nuova pro loco per allestire gli eventi dell’estate” ha precisato il sindaco Di Gesualdo. Tra gli eletti figura anche De Vincentis, destinatario di una lettera minatoria, proprio alla vigilia delle elezioni. “Anche De Vincentis, come medico e quindi professionista competente, sarà impegnato da subito per risolvere i problemi della sanità che toccano da vicino Campo di Giove” sottolinea il sindaco. “Dalla minoranza ci attendiamo collaborazione nell’interesse dell’intera comunità locale e per lavorare insieme alla soluzione dei suoi problemi” conclude Di Gesualdo. Il nuovo sindaco, 48 anni, è professionista consulente di Abruzzo Sviluppo e si occupa di fondi europei.

3 pensieri su “CAMPO DI GIOVE, IL SINDACO DI GESUALDO: SVOLTA NELLA POLITICA LOCALE CON CAMBIO GENERAZIONALE

  • 14 Giugno 2022 in 08:42
    Permalink

    Anzi, scusate: hanno “vinto” con una differenza di 7 votanti sopra il pareggio. (se sanno fare i calcoli).
    Hanno poco da festeggiare.

    • 17 Giugno 2022 in 12:16
      Permalink

      Sai la parola..MAGGIORANZA cosa significa…anche con un oto…vale

  • 13 Giugno 2022 in 22:41
    Permalink

    Hanno “vinto” con uno scarto di 4 persone.
    E no, non è un passaggio generazionale perché sono membri del consiglio del Sindaco uscente.

I commenti sono chiusi