AL GIORNALISTA ENNIO BELLUCCI IL XXI PREMIO NAZIONALE MARIA GRAZIA CUTULI

Il 18 settembre prossimo si svolgerà a San Severo ( Foggia) la XXI edizione del Premio Giornalistico Nazionale ” Maria Grazia Cutuli”La manifestazione,organizzata dal Centro Culturale Interrnazionale “Luigi Einaudi” presieduto dalla Prof.ssa Rosa Nicoletta Tomasone , è  da annoverare tra le più  importanti del nostro Paese e ha scelto,quest’anno,come suo tema centrale ” Educare e essere costruttori di Pace”. La Giuria che,oltre alla Tomasone,vede la presenza del più  volte candidato al Premio Nobel  Hafez Haidar, di Domenico Vasciarelli, Francesco Totaro, Ottavia Iarocci, Vincenzo Fantetti e i Giornalisti gia’ premiati nelle precedenti edizioni, ha deciso,all’unanimità, di assegnare il prestigioso riconoscimento al noto Giornalista per tanti anni in RAI e ideatore del Premio Nazionale Pratola Ennio Bellucci, per il suo impegno ed il suo alto profilo professionale,requisiti che sono le cifre del Premio. L’evento si  è avvalso dell’alto patronato della Presidenza della Repubblica, della Regione Puglia,della Provincia di Foggia,della città di San Severo, dell’UNESCO, della Camera dei Deputati, della Regione Sicilia e di tutti i Comuni ospitanti la cerimonia di conferimento del Premio.” Per non dimenticare e per costruire la Pace” ,ha come obiettivi la difesa dell’informazione  quale condizione di libertà e di democrazia, la difesa dei diritti sociali e della dignità della persona, sapendo che ciò  è  possibile se c’è la conoscenza di quanto accade intorno a noi,  e tanti sono i Giornalisti che perlustrano  le strade del mondo e descrivono quanto accade anche a costo di privazioni e sofferenze,talvolta a costo della vita”. Per i primi dieci anni il Premio, proprio per ricordare e onorare la memoria di M.G.Cutuli, Giornalista del Corriere della Sera, assassinata in Afghanistan è  stato assegnato esclusivamente ” all’Inviato speciale”, oggi riguarda i Giornalisti che hanno svolto e svolgono al meglio la loro professione, facendo conoscere la realtà complessa in cui viviamo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.