LICEALI MA PURE ZOTICONI

di Luigi Liberatore – Goliardata? Ma non scherziamo per niente, è stata solo e soltanto una mascalzonata e mi verrebbe da dire sia come pensiero sia come azione, utilizzando con sofferenza due termini molto cari alla interpretazione della storia data da Benedetto Croce e che appunto i liceali dovrebbero conoscere. Non farà la storia del liceo scientifico di Sulmona, invece, quello striscione indirizzato ai colleghi studenti del “Classico” intriso di una ruvidità spaventosa con una terminologia stupida quanto grottesca. Per chi non conosce questa storia, anzi storiaccia, dobbiamo spiegare che allo stadio, come giornata di celebrazione di fine anno, si stava disputando la consueta partitella di calcio tra liceali dello scientifico e quelli del classico. Quegli elegantoni dello scientifico hanno disteso in tribuna uno striscione nel quale si diceva chiaramente agli avversari del classico: “il greco ficcatevelo nel culo”. Che tristezza ho provato nel leggerlo e soprattutto quale inquietudine io stia provando nel riutilizzare quei termini per i lettori di questo giornale. Ma dovevo farlo se non altro per bloccare sul nascere quel pensiero di buonismo e di tollerante disincanto che potrebbe attraversare molta gente pronta a catalogare l’avvenimento come una “goliardata”. Il rude messaggio dato agli studenti del classico voleva più o meno dire: se facciamo a botte vinciamo noi, immaginando di poter calpestare così quel filo aristocratico che li divide da chi sa di greco e di latino. Qualcuno dirà colpa degli insegnanti, colpa della scuola, colpa dei genitori e infine colpa della società, e con questa ultima affermazione si apre una voragine interpretativa dalla quale mi tengo lontano per chiara incompetenza, pur avendo sì una mia idea. Voglio solo dire che fra qualche anno ci accorgeremo dei danni commessi con l’aziendalizzazione della scuola pubblica. Io sono uscito di scuola nel periodo in cui era ancora in piedi la riforma Gentile ecco perché non mi azzardo a dare giudizi in tema di pedagogia, democrazia e insegnamento. Ma sapete cosa darei agli estensori di quel “manifesto”: un calcione nel sedere e poi uno scappellotto per non farli cadere.  

16 pensieri su “LICEALI MA PURE ZOTICONI

  • 7 Giugno 2022 in 18:16
    Permalink

    Le scuole sono quello che sono secondo la qualità dei professori e dei presidi.
    Quello dello scientifico sappiamo quanto vale. Gli elettori , che non sono così scemi come si crede, lo hanno trombato sonoramente

  • 4 Giugno 2022 in 19:25
    Permalink

    Quanta inutile polemica … da ex liceale sulmonese (ormai cinquantenne… sig) ritengo lo striscione una semplice goliardata perfettamente inserita nel “classico”…. tifo da stadio!… a Sulmona basta il nulla per fare polemica….. ma divertitevi e siate un po’ più leggeri tutti…. ad iniziare dagli adulti….

    1
    4
  • 3 Giugno 2022 in 14:53
    Permalink

    Abbiamo atteso alcuni giorni per far decantare l’inutile polemica sollevata dal signor Liberatore prima di esprimere una nostra opinione. Tra noi ragazzi del liceo scientifico e quelli del classico esistono molti rapporti, anche di stretta amicizia; è evidente pertanto che lo striscione appeso, non aveva intenzioni offensive o denigratorie, ma aveva lo scopo amichevole di scherzare su un tema da sempre oggetto di sarcasmo tra “grecisti” e “scientisti”. Peraltro come noi anche i nostri compagni del classico per l’occasione si sono lasciati andare a coretti non proprio edificanti.
    La polemica avrebbe avuto un senso completamente diverso se l’articolo fosse stato scritto dagli stessi studenti del classico. I quali invece né hanno dato peso allo striscione, né si sono accodati all’inutile polemica; molti di essi anzi hanno dimostrato di non condividere il polverone sollevato. Prendere una penna e scrivere con una destinazione pubblica non deve essere occasione per ergersi al ruolo di educatori moralisti o, ancor peggio, per raggiungere un momento di visibilità; è un’azione che presuppone, prima di ogni altra cosa, tatto e apertura mentale. Con il massimo rispetto per il signor Liberatore e per il greco.

    Una classe del Polo Scientifico Tecnologico “E. Fermi”

    19
    3
  • 3 Giugno 2022 in 12:53
    Permalink

    Abbiamo atteso alcuni giorni per far decantare l’inutile polemica sollevata dal signor Liberatore prima di esprimere una nostra opinione. Tra noi ragazzi del liceo scientifico e quelli del classico esistono molti rapporti, anche di stretta amicizia; è evidente pertanto che lo striscione appeso, non aveva intenzioni offensive o denigratorie, ma aveva lo scopo amichevole di scherzare su un tema da sempre oggetto di sarcasmo tra “grecisti” e “scientisti”. Peraltro come noi anche i nostri compagni del classico per l’occasione si sono lasciati andare a coretti non proprio edificanti.
    La polemica avrebbe avuto un senso completamente diverso se l’articolo fosse stato scritto dagli stessi studenti del classico. I quali invece né hanno dato peso allo striscione, né si sono accodati all’inutile polemica; molti di essi anzi hanno dimostrato di non condividere il polverone sollevato. Prendere una penna e scrivere con una destinazione pubblica non deve essere occasione per ergersi al ruolo di educatori moralisti o, ancor peggio, per raggiungere un momento di visibilità; è un’azione che presuppone, prima di ogni altra cosa, tatto e apertura mentale. Con il massimo rispetto per il signor Liberatore e per il greco.

    Una classe del liceo scientifico.

    3
    2
  • 3 Giugno 2022 in 12:33
    Permalink

    Vito, vergognoso non è l’articolo che mette in evidenza il vostro comportamento, ma la volgarità del vostro striscione che non si addice a liceali che dovrebbero avere un minimo di cultura.
    Ma ve la insegnano un pò di cultura a scuola?

    5
    4
  • 2 Giugno 2022 in 09:13
    Permalink

    Ma tu non tieni niente da fare? A 18 anni ad una partita tu avresti scritto il greco inseriscilo gentilmente nel deretano? Capisco che in questa città ci sono molte poche cose interessanti da raccontare e questo lavoro vive di queste inutili notizie…ma mi risparmierei di buttare del tempo a scrivere queste idiozie

    3
    4
  • 2 Giugno 2022 in 00:02
    Permalink

    Mai visto un articolo più vergognoso di questo, che pochezza e che becerume!

    2
    6
    • 3 Giugno 2022 in 12:30
      Permalink

      Vito, vergognoso non è l’articolo che mette in evidenza il vostro comportamento, ma la volgarità del vostro striscione che non si addice a liceali che dovrebbero avere un minimo di cultura.
      Ma ve la insegnano un pò di cultura a scuola?

      2
      1
      • 3 Giugno 2022 in 16:23
        Permalink

        Sì, effettivamente “pò” si scrive con l’apostrofo…

    • 3 Giugno 2022 in 13:05
      Permalink

      Vito, vergognoso non è l’articolo ma il contenuto del manifesto esposto, nello stadio di Sulmona durante la partita, che non ammette alcuna giustificazione

  • 1 Giugno 2022 in 23:35
    Permalink

    Carissimo Liberatore, vorrei esortarti a utilizzare qualche virgola in più, da classicista quale sei. Inoltre non credo ti farebbe male frequentare un poco di più gli stadi, potresti imparare tante verità che sfuggono spesso a chi vive sulle nuvole e nei palazzi di Atlante. Con rispetto e cordialità il Grecista.

    6
    6
    • 3 Giugno 2022 in 12:18
      Permalink

      Caro Il grecista, che sei un docente del Fermi? Vedo che vi brucia un articolo che mette in evidenza lo squallore manifestato dagli allievi del Fermi.
      Come un diplomato del ex mitico Liceo Fermi di Sulmona, mi dispiaccio di come sia caduta in basso la mia ex scuola. Mi fate schifo!!

      • 3 Giugno 2022 in 13:07
        Permalink

        Abbiamo atteso alcuni giorni per far decantare l’inutile polemica sollevata dal signor Liberatore prima di esprimere una nostra opinione. Tra noi ragazzi del liceo scientifico e quelli del classico esistono molti rapporti, anche di stretta amicizia; è evidente pertanto che lo striscione appeso, non aveva intenzioni offensive o denigratorie, ma aveva lo scopo amichevole di scherzare su un tema da sempre oggetto di sarcasmo tra “grecisti” e “scientisti”. Peraltro come noi anche i nostri compagni del classico per l’occasione si sono lasciati andare a coretti non proprio edificanti.
        La polemica avrebbe avuto un senso completamente diverso se l’articolo fosse stato scritto dagli stessi studenti del classico. I quali invece né hanno dato peso allo striscione, né si sono accodati all’inutile polemica; molti di essi anzi hanno dimostrato di non condividere il polverone sollevato. Prendere una penna e scrivere con una destinazione pubblica non deve essere occasione per ergersi al ruolo di educatori moralisti o, ancor peggio, per raggiungere un momento di visibilità; è un’azione che presuppone, prima di ogni altra cosa, tatto e apertura mentale. Con il massimo rispetto per il signor Liberatore e per il greco.

        Una classe del liceo scientifico.

  • 1 Giugno 2022 in 21:44
    Permalink

    Esagerato…….
    Ho visto e sentito di peggio, come quella volta, nel 2016, durante una fiaccolata di famiglie che chiedevano più sicurezza nelle scuole e qualcuno disse che con quelle fiaccole avrebbero dovuto darsi fuoco…..

    4
    3
    • 4 Giugno 2022 in 19:25
      Permalink

      Quanta inutile polemica … da ex liceale sulmonese (ormai cinquantenne… sig) ritengo lo striscione una semplice goliardata perfettamente inserita nel “classico”…. tifo da stadio!… a Sulmona basta il nulla per fare polemica….. ma divertitevi e siate un po’ più leggeri tutti…. ad iniziare dagli adulti….

  • 1 Giugno 2022 in 20:23
    Permalink

    Rispondere ad una provocazione da stadio con la violenza è sempre un gesto di grande maturità. Complimenti.

    5
    1

I commenti sono chiusi