DE NINO-MORANDI, NUOVO RINVIO PER LA GARA D’APPALTO MENTRE L’EDIFICIO AFFONDA NEL DEGRADO

Un nuovo rinvio per la gara d’appalto dei lavori all’istituto tecnico De Nino-Morandi. La gara prevista prima per la fine dell’anno, poi entro febbraio, ora è rinviata a giugno. Infatti nonostante l’ultimatum lanciato nei mesi scorsi dalla Provincia dell’Aquila al Provveditorato delle Opere Pubbliche, soggetto attuatore per l’esecuzione degli interventi, la gara non è stata ancora pubblicata. Quindi si è arrivati a conclusione di un altro anno scolastico con un nulla di fatto per le sorti dell’istituto, “prigioniero” ancora della burocrazia. Cinque anni trascorsi da quel giugno 2017, da quando l’amministrazione provinciale dell’era De Crescentiis firmò la convenzione con il Provveditorato, cambiando il soggetto attuatore. Un lungo iter che ha portato alla revisione e approvazione del progetto esecutivo, ma non ancora all’appalto dei lavori che saranno eseguiti in due lotti per via della copertura economica. Nè sembrano all’orizzonte novità sul rientro delle classi del biennio dell’istituto a Sulmona, come si era prospettato, se non dell’intera popolazione scolastica in una sede alternativa, come pure era stato ventilato. Intanto  cresce il degrado dell’edificio, ormai al centro di erbacce, sterpaglie, rifiuti. Una vera vergogna di cui porta responsabilità chi ha contribuito, in vario modo, a questa situazione davvero umiliante per lo storico istituto.

I commenti sono chiusi