PAGA REGOLARE BOLLETTA MA PER TRE GIORNI RESTA SENZA LUCE

La bolletta è stata già pagata ma la fornitura della corrente elettrica viene sospesa. E’ accaduto a Secinaro. Ad un’utente sono arrivati solleciti di pagamento e nonostante l’immediata segnalazione agli uffici competenti la fornitura di energia elettrica è stata interrotta. Una cattiva sorpresa per l’utente che definisce umiliante quanto accaduto. Un episodio, peraltro, non nuovo ma sperimentato e segnalato da altri utenti, in provincia dell’Aquila.“Si tratta di una bolletta di Enel Energia di 130 euro, del mese di settembre. Quando mi è arrivato il sollecito, a gennaio, ho chiamato subito la sede centrale di Roma per comunicare che io in realtà avevo già pagato e quindi mi hanno detto di stare tranquilla, dal momento che è tutto registrato” racconta l’utente. Ed invece la donna si è vista sospendere la fornitura di energia elettrica. “Lunedì scorso ho acceso il forno e mi è saltato il contatore. I vicini non avevano problemi, tanto che poi alla fine i biscotti li hanno cotti loro. Quindi abbiamo subito ricollegato: ci era stata fatta una riduzione di corrente, ci avevano lasciato giusto un ‘lumino’”. Una situazione davvero incresciosa e assai grave, soprattutto per chi ha già pagato per un servizio e non può permettersi di restare senza. “A casa ho anche mio marito malato oncologico e invalido civile. È disumano” sottolinea la donna. Dopo essere stata da un consulente legale e dopo un nuovo contatto con la sede centrale della società la corrente è tornata regolarmente. Ma per tre giorni la famiglia della donna ne è stata privata, sopportando disagi non di poco conto. La stessa utente ha tenuto a precisare che altri utenti hanno vissuto la stessa esperienza. Qualcuno addirittura avrebbe pagato due volte la stessa bolletta, per vedersi riconosciuto il diritto ad avere regolare fornitura di energia elettrica.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.