PRATOLA, L’AMMINISTRAZIONE COMUNALE TRASFORMA TERRENI AGRICOLI IN EDIFICABILI A VALLE MADONNA

Una variante al Piano regolatore a Valle Madonna, per trasformare terreni agricoli in edificabili, votata a tre mesi dalle elezioni. A rilevarlo è Vincenzo Margiotta, candidato consigliere comunale della lista Pratola Città Futura. “La maggioranza comunale ha votato a tre mesi dalle elezioni una corposa variante al Piano Regolatore Generale da realizzare presso il quartiere di Valle Madonna che tra le altre cose decide di modificare la destinazione d’uso da agricoli (2-3 euro al metro quadrato) a edificabili (80-100 euro al metro quadrato) di migliaia di metri quadrati di terreni” sottolinea Margiotta. “Una variante non votata dal sindaco Antonella Di Nino e dal vice sindaco Nunzio Tarantelli, per un dichiarato conflitto di interessi riguardando terreni di proprietà anche di loro parenti – precisa il candidato consigliere comunale l’elenco completo dei beneficiari della variante trattandosi di atti pubblici è disponibile in Comune”. “Sarebbe utile che l’amministrazione comunale chiarisse il collegamento della modifica di destinazione d’uso di quei terreni con la realizzazione della strada – osserva Margiotta – Dovevate fare la strada oppure rendere edificabili dei terreni agricoli? E perché sempre e solo a Valle Madonna o alla Madonna della Neve?”. “Da un lato si dice che va realizzata una strada per decongestionare il traffico dei residenti e dall’altra si consente la costruzione di altre centinaia di appartamenti che non faranno altro che ulteriormente far soffrire gli abitanti del quartiere più popoloso di Pratola.Ovviamente in caso di elezione ci impegneremo per la revoca della deliberazione” conclude Margiotta.

Un pensiero su “PRATOLA, L’AMMINISTRAZIONE COMUNALE TRASFORMA TERRENI AGRICOLI IN EDIFICABILI A VALLE MADONNA

  • 11 Maggio 2022 in 13:31
    Permalink

    Può essere considerato “anche” un colpo basso, ma del tutto legittimo.
    Ognuno usa quello che ha.
    L’impegno preso potrà essere (e lo sarà) un’arma a doppio taglio, che verrà fatta pagare cara prima e dopo le elezioni.
    Mi chiedo se l’idea e sempre dello spin doctor che ha avuto simili ideone anche per Sulmona.

I commenti sono chiusi