CRATERE SISMICO ESCLUSO DA AIUTI DELLO STATO, PIETRUCCI IN SCIOPERO DELLA FAME

Comuni del cratere sismico esclusi dalla Carta degli Aiuti di Stato ed è sciopero della fame del consigliere regionale Pierpaolo Pietrucci. Una protesta per chiedere un intervento urgente di revisione dell’assegnazione delle risorse previste dalla Carta, che vede, ad oggi, esclusi tutti i Comuni ricadenti nel territorio del Cratere sismico.
Pietrucci chiede anche la convocazione di una seduta straordinaria del Consiglio regionale straordinario.
“La nuova “Carta degli aiuti di Stato a finalità regionale 2022-2027” che individua le aree territoriali contigue che riceveranno benefici mirati per lo sviluppo economico ha visto, a seguito della pandemia, un cospicuo aumento territoriale per accrescere le opportunità di sostegno economico: il tasso di copertura della popolazione abruzzese è quindi quasi triplicato, passando a oltre 720mila abitanti. Ci diremmo soddisfatti se non fosse che il presidente Marsilio non conosce la geografia della regione che amministra, così come disconosce il confronto politico leale e trasparente – afferma il consigliere regionale -Come ho denunciato, insieme ai colleghi Mariani e Pepe, in tutte le sedi possibili e sin dal novembre dello scorso anno, dal nuovo elenco sono esclusi infatti quasi tutti i Comuni dei crateri sismici, di fatto penalizzando realtà di grande valore produttivo, industriale e aziendale ricadenti nei crateri sismici che non potranno beneficiare della maggiore intensità di finanziamento data dalla Carta degli aiuti. Al contrario, realtà produttive che operano nelle aree “agevolate” di recente individuazione avranno solo teoricamente delle possibilità agevolative, poiché non hanno risorse disponibili. Non è un caso che nella programmazione sia dell’Umbria che delle Marche, la classe politica al governo di entrambe le regioni ha inserito per intero le aree dei crateri nella Carta regionale degli aiuti”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.