GIOVANE SULMONESE CONDANNATO A QUATTRO ANNI DI RECLUSIONE PER SPACCIO DI STUPEFACENTI

Mano pesante del giudice monocratico del Tribunale di Sulmona, Franesca Pinacchio, che questa mattina ha condannato a quattro anni di reclusione e 18mila euro di multa, Fabrizio Pescatore, 30 anni, originario di Bussi, fermato ad un posto di blocco dalla Guardia di Finanza e arrestato lo scorso 5 aprile, in possesso di circa cento grammi di cocaina. L’imputato è stato processato con rito direttissimo. Le analisi eseguite dall’Arta Abruzzo, sulla sostanza stupefacente sequestrata dalle Fiamme gialle, hanno accertato che da quel quantitativo si sarebbero potute ricavare circa 530 dosi, con potenziali 20 mila euro di valoresul mercato locale degli stupefacenti. L’avvocato Serafino Speranza, che ha assistito il giovane, ha sostenuto che quel carico di droga proveniente da Roma altro non era che per uso personale e il tentativo di fuga del giovane, incensurato, era stato provocato dal suo stato emotivo e dalla paura. Fermato a bordo della propria auto, nei pressi del casello autostrdadale di Pratola Peligna, Pescatore, alla vista delle Fiamme Gialle, ha tentato di dileguarsi tra le campagne, per disfarsi dell’involucro contenente la cocaina. Un’altra persona era con lui in auto ma è stata subito scagionata dalla vicenda, risultandone del tutto estranea.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.