ELEZIONI PRATOLA, DUE “ANIME” A CONFRONTO

di Luigi Liberatore – C’è un’aria di festa elettorale in giro. Nulla a che vedere con le tensioni di adesso in cui sembra, altrove, che le battaglie, anche quelle ideologiche, si debbano combattere contro un nemico e non con un avversario. C’è di nuovo in ballo la poltrona di Sindaco a Pratola Peligna, quella che ha visto occupata da cinque anni da Antonella Di Nino e che la sinistra, esautorata ma non defenestrata, vorrebbe rioccupare quasi come una rivalsa storica. La Pratola tutta “falce e martello” rimane nel cuore per cui non si dimentica facilmente. Eppure l’attuale sindaco ha scippato questo diritto di primogenitura, vantata per secolari scontri sociali, in virtù di una capacità persuasiva, che poi si è rivelata anche realizzativa, extra ordinem. Ci spieghiamo. Antonella Di Nino, il sindaco uscente, non è venuta da Marte, ma ha saputo mettersi in tasca le titubanze di una sinistra rammollita con poche ma efficaci idee in grado di rivitalizzare la città. Antonella Di Nino è di Destra? Va bene se la definizione fa comodo alla sinistra, ma la Destra stia lontana dalla tentazione di “arruolare” tra la sue falangi il sindaco di Pratola Peligna. Antonella Di Nino ha un suo carisma personale di cui nessuno può appropriarsi se non i suoi elettori. E di cui, a livello regionale, tutti dovranno fare i conti. Passiamo al suo avversario. Non lo conosciamo, come d’altronde non conosciamo il sindaco di Pratola se non per la sua attività amministrativa. Ebbene, ci sembra che abbia tutte le caratteristiche di un interlocutore (avversario) intelligente ma soprattutto accorto. Le sue dichiarazioni pubbliche possiedono le qualità dei vecchi esponenti della democrazia cristiana che in fatto di elezioni se ne intendevano parecchio. Poi ci confortano due aspetti del candidato sindaco della sinistra a Pratola Peligna: la foto, conciliante e per nulla remissiva, e poi il curriculum di Alfonso Fabrizi. Due “anime” a confronto. Ma un avviso allo stesso Fabrizi che non vuole essere di parte: Antonella Di Nino gode dell’indubbio vantaggio di essere sindaco uscente, ma è entrata nel cuore della gente in parte per quello che ha realizzato cuoi suoi collaboratori ma poi per quel fascino che è racchiuso nei suoi piccoli tailleur: le idee.

2 pensieri su “ELEZIONI PRATOLA, DUE “ANIME” A CONFRONTO

  • 5 Maggio 2022 in 07:29
    Permalink

    Un giornalista così parziale e accondiscendente è difficile trovarlo, non è leggibile, non è giornalismo.

  • 3 Maggio 2022 in 20:43
    Permalink

    Parole che rispecchiano appieno la realtà dei fatti. La Destra ha amministrato Pratola portando avanti le proprie idee e a compimento parte del proprio programma elettorale. La Sinistra in questi 5 anni è stata imbarazzante in Consiglio comunale e inesistente come azione politica.
    Da pratolano serio, onesto e di sinistra preferisco non rischiare di nuovo e voterò SCHEDA BIANCA.

    1
    2

I commenti sono chiusi