OPERATORI SOCIO SANITARI VINCITORI DI CONCORSO: I SINDACATI PENALIZZANO I NOSTRI DIRITTI

Di nuovo all’attacco i vincitori di concorso Operatori socio-sanitari che annunciano di adire le vie legali a tutela dei propri diritti e di essere pronti a manifestazioni pubbliche, riconsegnando le loro tessere ai sindacati, accusati di penalizzare le loro legittime attese. “Siamo basiti da quanto appreso riguardo l’incontro tra esponenti della Regione e dei sindacati. Abbiamo affrontato la prova concorsuale, risultando idonei in quasi 2700 su più di 6000 concorrenti a livello regionale, 600 solo per la ASL1. Siamo in attesa della pubblicazione della graduatoria, che terrà conto anche dei titoli di servizio e di formazione maturati – affermano i vincitori di concorso, accusando i sindacati perchè starebbero “facendo di tutto per farne slittare l’uscita, per poter stabilizzare personale che alla data dell’uscita della stessa, non avrebbe maturato i giusti mesi di servizio, magari appena diplomati, togliendo di fatto il posto a chi ha diritto di entrare, in quanto vincitori di concorso e prestando il fianco ad eventuali meccanismi “poco leciti” che si creano spesso nelle pubbliche amministazioni. Non siamo disposti ad assistere inermi a questo squallido “giochetto”, chiediamo risposte e soprattutto garanzie”. Per questi motivi gli oss annunciano ricorso alle vie legali a tutela dei loro diritti, aggiungendo di essere pronti a scendere in piazza, “a strappare le nostre iscrizioni ai sindacati che, invece di tutelare noi lavoratori onesti, giocando con il nostro futuro, facendosi scherno della nostra preparazione e, soprattutto, dei nostri diritti”.

3 pensieri su “OPERATORI SOCIO SANITARI VINCITORI DI CONCORSO: I SINDACATI PENALIZZANO I NOSTRI DIRITTI

  • 25 Aprile 2022 in 19:27
    Permalink

    Io sono uno dei vincitori, c’ e’ voluto piu’ di 1 anno dalla domanda per la partecipazione al concorso, e adesso stanno perdendo tempo per fare uscire la graduatoria anche in base ai ricorsi ( a mio dire insensati) che ci sono stati. Non ci siamo! In Toscana in 4 mesi hanno gestito un concorso con 8000 domande. Se e’ vero quello che ho letto riguardo ai sindacati, bisogna chiedere spiegazioni esaurienti ed eventualmente valutare se ritirare le tessere, o eventualmente, di non sottoscriverle in futuro

  • 25 Aprile 2022 in 15:17
    Permalink

    Ormai i sindacatisono venduti.al piu offerente.Vergognatevi

  • 24 Aprile 2022 in 15:10
    Permalink

    Ampia solidarietà a questi ragazzi vincitori di concorso.

    15
    1

I commenti sono chiusi