FONDI PNRR, L’OSPEDALE DI POPOLI FATTO FUORI DALLA RIPARTIZIONE

L’ospedale e i residenti del territorio di Popoli e dell’Alta Val Pescara maltrattati dal governo regionale nel Piano interventi del Pnrr. Un progetto che prevede investimenti per 213 milioni di euro così ripartiti: circa 59 milioni per le case di comunità, 26 milioni per gli ospedali di comunità e circa 4 milioni per i centri operativi territoriali. Altri 31 milioni sono stati stanziati per l’acquisto di grandi apparecchiature, 54 milioni per l’adeguamento sismico delle strutture, 38 milioni per la digitalizzazione. Per quanto riguarda l’Asl di Pescara sono previsti tre ospedali di comunità, tre centri operativi territoriali e sei case di comunità, per una spesa di 19 milioni e 140mila euro. Nello specifico saranno coinvolte San Valentino in Abruzzo citeriore, Città Sant’Angeio e Montesilvano per ospedali di comunità; Montesilvano, Pescara, Scafa, Spoltore, Cepagatti, Penne e Pianella per case di comunità. Mentre i centri operativi territoriali saranno realizzati a Pescara, Scafa e Penne. “Come al solito il nostro territorio resta all’asciutto e nessun politico di maggioranza locale ne parla – afferma Enzo Sabatini, sindacalista Spi Cgil ed ex dipendente ospedaliero – vogliamo ringraziare di questo il governo regionale, l’Asl di Pescara e i nostri politici locali e regionali che su questa questione hanno fatto scendere un silenzio assordante penalizzando la medicina territoriale dell’Alta Val Pescara”.

Un pensiero su “FONDI PNRR, L’OSPEDALE DI POPOLI FATTO FUORI DALLA RIPARTIZIONE

I commenti sono chiusi