CINQUE ANNI DI CARCERE AL LADRO SERIALE DI AUTO IN CITTA’

Ieri mattina è arrivata la seconda condanna per i ladri  che, nella notte del 23 ottobre di due anni fa, seminarono il panico in città tentando di rubare una decina di auto. Per G.A., uno dei tre imputati finiti sotto processo, attualmente agli arresti domiciliari, è arrivata la condanna a cinque anni di reclusione e al pagamento di duemila euro di multa. La sentenza è arrivata al termine del rito abbreviato che si è tenuto ieri, nel Palazzo di Giustizia. Tutto invece da rifare per il secondo imputato, A.C., per il quale dovranno essere inviate da capo tutte le notifiche, come disposto dal giudice monocratico, Marta Sarnelli.  Stessa condanna a cinque anni di reclusione era stata decisa lo scorso 2 febbraio per A.G., terzo componente della “banda”. I tre ladri erano stati colti in flagranza di reato mentre erano intenti a rubare un furgone Fiat Ducato forzandone il blocchetto di accensione con un particolare trapano artigianale. Vistosi scoperti si diedero alla fuga tentando di nascondersi sotto ad altre autovetture ma furono bloccati e arrestati dopo un inseguimento  per il centro storico, terminato in via Pescara. Attraverso ulteriori indagini i carabinieri, riuscirono a scoprire, anche con l’ausilio del sistema di video sorveglianza, che gli stessi ladri avevano tentato poco prima di rubare altre due autovetture senza riuscirvi. Complessivamente i tre complici, agirono su otto veicoli parcheggiati in città. In un’occasione si sono impossessati anche di un paio di occhiali ed altri oggetti di poco valore. Furti in serie che hanno portato il giudice ad emettere, almeno per ora, due condanne a cinque anni di reclusione. In sospeso resta il terzo complice in attesa di essere processato per difetto di notifica.

I commenti sono chiusi