I VOLONTARI RIPULISCONO IL PARCO FLUVIALE

Sono iniziate ieri mattina e sono proseguite oggi, le operazioni di pulizia del parco fluviale Augusto Daolio. Puntuali come un orologio svizzero i volontari, armati di tanta buona volontà, hanno iniziato ad ammucchiare tutti i rami caduti sotto il peso della neve, liberando sentieri e strade che erano rimasti  ostruiti rendendo  pericoloso l’accesso al Parco fluviale. Due giorni di lavoro che, sperano i volontari, saranno sufficienti per rendere di nuovo fruibile il parco alla vigilia dell’inizio della primavera e delle belle giornate. Come in una grande festa, una ventina di volontari, ognuno con un compito preciso, ha portato a termine la sua parte, sempre con il sorriso sulle labbra, nel segno della solidarietà e dell’impegno sociale. Ma anche tanti imprenditori cittadini hanno fatto la loro parte mettendo a disposizioni mezzi, attrezzatura e lavoro come Walter Tirimacco e Pasquale di Toro e fornendo la colazione e le bevande come Giovanni Di Meo direttore di un supermercato cittadino. “È questo il segno distintivo dei volontari di Sulmona che vogliono solo essere utili alla comunità”, afferma la presidente dell’associazione Jessica Tessicini, “con questo nuovo impegno vogliamo ribadire il nostro esclusivo interesse al bene sociale. Non abbiamo colori di partito da mostrare o interessi di parte da portare avanti, né vogliamo essere strumentalizzati. Con la convenzione sottoscritta con il Comune nei giorni scorsi per rendere di nuovo agibile il parco fluviale, abbiamo voluto dare l’ennesima dimostrazione che quello che abbiamo da sempre affermato, è la sola verità”. Il riferimento è alle polemiche esplose nei mesi scorsi, soprattutto sotto il periodo elettorale, quando i volontari erano stati accusati di essere il braccio armato dei civici di Andrea Gerosolimo. Che il loro non era volontariato ma solo un modo per far confluire voti verso le liste civiche. “Se così fosse stato”, incalza la presidente Tessicini, “con il cambio di amministrazione al Comune potevamo farci da parte e starcene tranquillamente a casa. Invece, noi andiamo avanti per la nostra strada convinti e nella speranza che il nostro esempio possa portare altre persone di buona volontà ad aggregarsi al nostro gruppo”. “Un gruppo che dovrà diventare un vero esercito di persone pronte a mettersi a disposizione del prossimo in maniera disinteressata, non solo per le aree verdi ma per tutte le iniziative di solidarietà, in modo da creare qualcosa di veramente grande e utile per la nostra Sulmona.