LE CONFRATERNITE INCONTRANO IL SINDACO IN VISTA DELLA SETTIMANA SANTA

Primo incontro tra le confraternite cittadine e il sindaco Gianfranco Di Piero in vista delle manifestazioni e dei riti religiosi della Settimana Santa. Dopo due anni di stop conseguenti alla pandemia, tutti gli attori sono intenzionati, vescovo compreso, a far svolgere sia la processione del Venerdì Santo che la Madonna che scappa in piazza la mattina di Pasqua. Naturalmente in tutta sicurezza, soprattutto dopo gli ultimi dati che vedono i contagi in risalita. Intenzione che è emersa ieri, forte e chiara, nel corso dell’incontro che si è tenuto a palazzo San Francesco.

L’ipotesi è quello di far svolgere i tamponi ai componenti dei diversi cortei processionali, con un occhio particolare ai componenti del coro che dovranno cantare spalla a spalla per tutta la durata della processione del Venerdì Santo. Non è stata esclusa una rivisitazione del percorso per evitare il transito della processione negli angoli del centro storico più angusti che potrebbero favorire l’assembramento tra i vari figuranti, e il ripristino dell’uso della mascherina all’aperto.

Molto, se non tutto, dipenderà dall’orientamento che sarà preso il 31 marzo dal Governo, quando con la fine dello stato di emergenza, dovrebbero cadere ulteriori restrizioni. L’obiettivo è farsi trovare pronti per qualsiasi evenienza perché è ormai tempo che la città, (e ne sono convinti tutti, se si escludono i soliti disfattisti), così come sta avvenendo in ogni parte d’Italia, Sulmona torni a festeggiare le sue tradizioni secolari in tutta sicurezza.