FERROVIA PESCARA-ROMA, COMFERR CHIEDE PROGETTO CONDIVISO E PUNTA SU TRACCIATO ALTERNATIVO

Premettono e precisano subito di non essere contrari al progetto di raddoppio della ferrovia Pescara-Roma ma di voler anzi sostenere e migliorare quel progetto. Sono i promotori del Comferr, comitato ferroviario interprovinciale che riunisce i Comuni di Manoppello, Alanno e Chieti con oltre 6mila iscritti, costituitosi per migliorare il progetto del raddoppio della ferrovia Pescara-Roma, per evitare stravolgimenti al tessuto urbano dei territori toccati dall’opera.
Punto di non ritorno nell’iter procedurale di realizzazione dell’infrastruttura sarà la Conferenza dei servizi con il conseguente appalto dei lavori. Per evitare che il progetto venga imposto ai Comuni, quindi non condiviso, il Comferr chiede di prendere in considerazione alternative al tracciato già in essere, coinvolgendo i territori in un’ottica di collaborazione migliorativa. “Questo non è un comitato contro, ma per fare qualcosa di decente nei territori di Brecciarola e Manoppello” ha spiegato Hermo D’Astolfo, portavoce del Comferr. “Noi chiediamo di essere ascoltati, ma purtroppo fino a oggi c’è stata poca attenzione da parte di Rfi. Nell’incontro che c’è stato recentemente con il senatore D’Alfonso è emersa la possibilità di rivolgerci come Comuni direttamente al Comitato Via per portare le nostre istanze e chiedere di essere finalmente ascoltati”.