CROLLO AL PALASPORT INTRODACQUA, ASSOLTI GLI ULTIMI DUE IMPUTATI

Sentenza di assoluzione del Tribunale di Sulmona per gli imputati nel processo per il crollo al Palasport di Introdacqua. Con questa sentenza si è conclusa una vicenda processuale di dieci anni, avanti al collegio giudicante del Tribunale di Sulmona, presieduto dal Presidente Pierfilippo Mazzagreco, che questa mattina ha assolto i due imputati rimasti sotto processo, Giuseppe Verna, legale rappresentante della ditta subappaltatrice e Nicola Gabriele Di Cencio, direttore tecnico dei lavori. Il Pubblico Ministero aveva chiesto la prescrizione, pur riconoscendo la colpa di entrambi, stando alle risultanze della perizia disposta dal giudice, che ha evidenziato un difetto di costruzione del nodo 16 del fabbricato. Una tesi contrastata dalla difesa che ha fatto compiere ulteriori perizie. Sono stati ascoltati anche i soggetti che avevano in uso la struttura prima del crollo. Il palazzetto realizzato negli anni Novanta costò quasi un milione di euro, stanziati dalla Regione. Per tanti anni restò inutilizzato, fino al 2008 quando fu inaugurato e utilizzato da scuole e associazioni sportive del paese. Il crollo del tetto avvenne nella notte del 10 febbraio 2012 in seguito ad un’abbondante nevicata. La Procura aprì un’inchiesta. Nell’aprile del 2016 s’interessò della vicenda anche il tg satirico “Striscia la notizia”, su iniziativa dei gruppi consiliari di minoranza al Comune di Introdacqua. In totale furono notificati nove avvisi di garanzia, anche agli ex sindaci, Giuseppe Giammarco e Terenzio Di Censo, entrambi prosciolti.

Un pensiero su “CROLLO AL PALASPORT INTRODACQUA, ASSOLTI GLI ULTIMI DUE IMPUTATI

  • 9 Marzo 2022 in 09:06
    Permalink

    L’unico indagato rimane il Palazzetto. Ma perche’ sei crollato? La solita Commedia all’Italiana!!!

I commenti sono chiusi