STAZIONE PLUVIOMETRICA DI SULMONA ULTRACENTENARIA, RICONOSCIMENTO DELL’ORGANIZZAZIONE METEO MONDIALE

Da oltre cento anni Sulmona ha una stazione pluviometrica ma in pochi lo sanno, tra gli stessi sulmonesi. Oggi, in aula consiliare, è stato celebrato il riconoscimento attribuito a quella stazione, installata nel 1908, con una targa dell’Organizzazione Meteorologica Mondiale, organismo preposto allo studio sullo stato e il comportamento dell’atmosfera terrestre, del clima e della conseguente distribuzione delle risorse idriche. La stazione sulmonese è entrata a far parte anche delle stazioni di osservazione centenarie della stessa Organizzazione. In Abruzzo, oltre la stazione di Sulmona esistono altre due stazioni, a Chieti e a Campotosto. “Per la protezione civile è fondamentale possedere i dati raccolti nelle stazioni pluviometriche, soprattutto per il sistema di allertamento – ha spiegato Mauro Casinghini, direttore dell’Agenzia regionale di Protezione civile – quello che oggi celebriamo è un traguardo ed un merito per Sulmona e per la protezione civile dell’Abruzzo intero”.  Attraverso le stazioni pluviometriche viene misurata la quantità di pioggia caduta, in un tempo determinato. “Ma oggi queste stazioni assolvono a varie funzioni – ha precisato Casinghini – raccolgono una serie di dati, come temperature, umidità, pressione, vento, che consentono di fare una valutazione complessiva inerente le previsioni meteorologiche e quindi operare anche l’allertamento, che può essere conseguente a questi dati”. In proposito l’assessore comunale alla Protezione civile, Catia Di Nisio, geologa di professione, ha ricordato come anche in caso di costruzioni di infrastrutture, le valutazioni che scaturiscono dalle stazioni pluviometriche hanno importanza essenziale. Ma la sorveglianza sul territorio viene garantita anche da altri strumenti, in una rete regionale, come gli idrometri, che misurano l’altezza delle aste fluviali. L’importanza del sistema della Protezione civile è stata sottolineata dal sindaco Gianfranco Di Piero. “Non è solo importante la relazione tra Sulmona, che dispone di un gruppo consistente di protezione civile ma anche il sistema stesso della protezione civile – ha detto Di Piero – ed io appartengo ad una generazione che ha vissuto la nascita della protezione civile in Italia, al tempo del tragico terremoto dell’Irpinia. Abbiamo visto, in questi decenni, crescere la protezione civile, in un periodo guidata anche dal ministro abruzzese, Remo Gaspari, succeduto a Giuseppe Zamberletti. Oggi possiamo affermare che la protezione civile è una delle grandi realtà del nostro tempo. E questa presenza importante cresciuta tanto anche nella nostra città è motivo di orgoglio”. Il sindaco ha ricordato il ricorso frequente che si fa ai volontari di Protezione civile in ogni evenienza di emergenza. Ultimamente proprio i volontari di Protezione civile hanno garantito la loro presenza fondamentale per l’allestimento dei centri di somministrazione dei test covid e per le vaccinazioni. “Possiamo contare su un sistema professionale, di qualità – ha concluso il sindaco – ed oggi celebriamo la storicità di questa stazione pluviometrica, altro cardine storico della nostra città”.

2 commenti su “STAZIONE PLUVIOMETRICA DI SULMONA ULTRACENTENARIA, RICONOSCIMENTO DELL’ORGANIZZAZIONE METEO MONDIALE

  • 18 Febbraio 2022 in 23:25
    PermalinkCity name (optional, probably does not need a translation)

    Suggerisco a questo giornale, molto seguito, di informare per tempo i cittadini sulle ruinioni del Consiglio Comunale: molti, a cominciare da me, sarebbero interessati.
    La partecipazione è molto importante per la democrazia: nell’antica Atene le decisioni della Polis venivano prese nella pubblica piazza

    • 19 Febbraio 2022 in 08:29
      PermalinkCity name (optional, probably does not need a translation)

      Signor Romano le facciamo presente che questo giornale informa sempre puntualmente delle convocazioni del Consiglio comunale, con relativo ordine del giorno. La ringraziamo della sua costante attenzione, augurandole buona giornata.

I commenti sono chiusi