TRIBUNALI, ULTIME 48 ORE DI SPERANZA PER LA PROROGA DELLA CHIUSURA

Non è ancora arrivato il parere del governo e l’emendamento al decreto Milleproroghe a tutela dei tribunali abruzzesi, per la proroga della chiusura, è stato accantonato. Restano solo due giorni per trovare una soluzione che possa portare alla proroga della chiusura, prevista il 14 settembre di quest’anno. Nel frattempo gli avvocati si stanno preparando allo sciopero già annunciato per lunedi 21 febbraio. Alla posizione del ministro della giustizia Marta Cartabia, che per il momento non è scesa a compromessi con i parlamentari e con il territorio, i legali dei fori di Sulmona, Avezzano, Lanciano e Vasto opporranno la loro astensione dalle udienze civili e penali. Lo sciopero si concluderà il primo marzo, con esclusione delle udienze relative a imputati detenuti in custodia cautelare. Intanto i lavori nelle commissioni riunite Affari costituzionali e Bilancio procedono e il nodo dei presidi giudiziari sarà trattato domani. In questi giorni sono state avanzate proposte di mediazioni presentate anche tramite il sottosegretario alla giustizia Anna Macina. Una di queste era quella di ridurre la proroga da due anni a uno. Finora il ministero non ha mai risposto.

I commenti sono chiusi