NUOVI 41 INFERMIERI SARANNO ASSUNTI NELL’ASL SULMONA-L’AQUILA-AVEZZANO

Saranno presto assunti 41 nuovi infermieri nella Asl Avezzano-Sulmona-L’Aquila che sarà rafforzata da ulteriori 10 unità di personale occupato in altri ospedali italiani”. Ad annunciarlo sono il segretario provinciale della Uil Fpl Antonio Ginnetti, il responsabile Sanità Uil Fpl Gianfranco Giorgi, il componente di segreteria Uil Fpl Claudio Incorvati e il segretario provinciale di Fsi Salvatore Placidi. “Abbiamo sollecitato la direzione generale a provvedere alle assunzioni, date le gravi situazioni di mancanza di personale che si registrano negli ospedali dell’Aquila, Sulmona e Avezzano – affermano – Tanti sono infatti i contagi da covid tra il personale sanitario che contrae la malattia all’esterno degli ospedali. Tutti i reparti sono in grave difficoltà e la situazione è seria in tutta la provincia. I casi più eclatanti si sono verificati oggi all’ospedale di Avezzano dove i reparti sono stati accorpati per mancanza di infermieri. Chirurgia vascolare ad oggi ha infatti solo 4 infermieri operativi e ortopedia conta solo 6 infermieri. Una carenza gravissima se si pensa che, per far funzionare al meglio un reparto, sono necessari almeno 12 infermieri. Altra grave carenza si registra nel blocco operatorio dell’ospedale San Salvatore dove gli interventi ordinari sono stati sospesi”. “Per questo motivo abbiamo sollecitato le assunzioni e arriveranno presto 41 infermieri che saranno assegnati nei 3 ospedali della provincia, oltre a 10 comandati in ingresso, cioè operatori sanitari occupati in altre strutture sanitarie italiane – concludono – La Uil Fpl e Fsi resteranno vigili affinché le assunzioni si concretizzino in tempi rapidi. Per ora si lavora in emergenza, ma presto sarà necessario rivedere l’organico in modo strutturale e definitivo”.

2 pensieri su “NUOVI 41 INFERMIERI SARANNO ASSUNTI NELL’ASL SULMONA-L’AQUILA-AVEZZANO

  • 13 Febbraio 2022 in 08:25
    Permalink

    Va bene per gli infermieri ma c’è carenza di dottori e di reparti.

  • 11 Febbraio 2022 in 16:52
    Permalink

    Mai una volta che venga indicata la distribuzione dei nuovi lavoratori per ciascun presidio ospedaliero.
    Sembra nel leggere la nota che l’organico sia in sofferenza solo a L’Aquila e Avezzano.
    Posso capire che L’ASL non ne faccia menzione, ma le OO.SS. uguale comportamento?

I commenti sono chiusi