FU ARRESTATO PER PECULATO, IL TRIBUNALE ASSOLVE CESIDIO SPACONE DIRIGENTE DEL COMUNE DI SCANNO

Assolto dal Tribunale di Sulmona Cesidio Spacone, ex responsabile dell’ufficio finanziario del Comune di Scanno, oggi in pensione. La sentenza che scagiona l’ex dirigente dalle accuse è arrivata in tarda mattinata. Spacone era accusato, in qualità di dipendente del Comune di Scanno, di essersi appropriato della somma complessiva di 46mila euro, relativi agli incassi dei parcheggi, della tosap, di multe e di altre entrate e di 38,300 euro relative a somme riscosse dagli agenti contabili del Comune di Scanno nel 2017, che erano state consegnate nelle sue mani e mai versate allo stesso ente. Accuse tutte cadute nel corso dell’udienza  dibattimentale  che si è svolta questa mattina. Spacone, difeso dall’avvocato Alessandro Margiotta, subito dopo la sentenza è scoppiato in lacrime per una vicenda che lo ha fortemente segnato dopo tanti anni passati al servizio del Comune. Ad avviare l’inchiesta giudiziaria, nel settembre 2017, fu una denuncia dell’allora sindaco Pietro Spacone, riguardante un presunto ammanco nelle casse comunali. Nel novembre di quell’anno Spacone venne arrestato. I Carabinieri della compagnia di Castel di Sangro ascoltarono numerosi dipendenti dei Comuni di Scanno, Introdacqua e Rocca Pia, dove il ragioniere ricopriva l’incarico di responsabile dell’area finanziaria ed eseguirono perquisizioni negli uffici e in casa dell’indagato. Secondo quanto emerso, il funzionario nel biennio 2016-2017 si sarebbe appropriato di circa 80.000 euro in contanti, sottraendoli dalle casse comunali di Scanno. Il denaro era provento di tributi vari (pagamento di parcheggi comunali, utilizzo del palasport, scuolabus, pagamenti di pubblicità e affissioni, occupazione di suolo pubblico, occupazione delle aree di mercato, proventi contravvenzionali, diritti di urbanistica e di segreteria). Inoltre, sempre secondo l’accusa, il ragioniere, approfittando del proprio incarico, si sarebbe appropriato di 17.500 euro, sempre in danno del Comune di Scanno. Attualmente resta aperta l’inchiesta contabile avviata dalla Corte dei Conti nei confronti di Spacone, al quale è stata sequestrata anche l’abitazione.

One thought on “FU ARRESTATO PER PECULATO, IL TRIBUNALE ASSOLVE CESIDIO SPACONE DIRIGENTE DEL COMUNE DI SCANNO

  • 12 Gennaio 2022 in 15:12
    Permalink

    Grave Errore della procura ,o bontà della corte giudicante ????? Nell’incertezza delle risposte ,o di una verità incerta ,meglio chiudere sta monnezza !!!!!!!!!! E anche al più presto ,decenni di gravi ingiustizie subite dalla gente perbene ☹️

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *