SI SOSTITUISCE AL PADRE SU FACEBOOK, IL GIUDICE CONDANNA 63ENNE DI GORIANO

Pesante condanna per Giovanni Di Simone, 63 anni, di Goriano Sicoli difeso dall’avvocato Giovanni Gabriele, processato per il reato di sostituzione di persona. Il Giudice Francesca Pinacchio gli ha contestato la violazione dell’articolo 494 del codice penale, comminandogli la pena di tre mesi di reclusione poiché avrebbe operato con la pagina Facebook del padre convivente, sebbene lo stesso non fosse notoriamente  in grado di essere presente in rete, per demenza dovuta a malattia di Alzheimer. “Sono stato denunciato per un cavillo giuridico dall’amministratore di sostegno – si è difeso Di Simone – ma non ho comunque usato l’identità di mio padre per un atto falso di eredità o per altro  vantaggio, bensì ho solo messo  post per gli amici, interpretando le sue belle caratteristiche, come nei recenti tempi che stava ancora bene, anche con la speranza che potesse migliorare”. “Opporremo con il mio difensore queste motivazioni in Appello poiché  ritengo ingiusta la sentenza” ha concluso Di Simone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *