MARCOZZI: E’ UN ONORE ESSERE DELEGATA PER L’ELEZIONE DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

“È un onore per me essere stata scelta dal Consiglio regionale tra i delegati che parteciperanno alla votazione per eleggere il prossimo Presidente della Repubblica, e voglio ringraziare i colleghi Consiglieri per la fiducia che mi è stata accordata. I prossimi sette anni saranno decisivi per il futuro del nostro Paese, a partire dalle sfide che l’augurata uscita dalla pandemia ci porterà ad affrontare. Sarà mio dovere svolgere il compito che mi è stato assegnato nel massimo rispetto delle Istituzioni dello Stato, consapevole della grande responsabilità che la scelta del Consiglio comporta“.  Lo ha affermato il capogruppo M5S in Regione, Sara Marcozzi.

One thought on “MARCOZZI: E’ UN ONORE ESSERE DELEGATA PER L’ELEZIONE DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

  • 28 Dicembre 2021 in 12:30
    Permalink

    Non so se Ines boffardi, comunque prima donna sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio, od altra.In ogni modo Boffardi fu il primo nome di donna che venne votato alla carica di Capo dello Stato. Ora, in Italia,si dice, che, ROMA NON FACIT SALTUS, ma procede per gradi come,con le sue leggi la natura. Invece di nomi fantasiosi, al Quirinale si continua con persona che presenta affidabilità risultante da appartenenza a strettissimo apparato istituzionale , e , senza zompettature di grillo. Quindi dovendosi  anche costituzionalmente essere indipendenti dalla diversificazione di genere, ci sono,senza 8nfluenza del momento,  donne  che hanno sempre vestito sobriamente non esprimendo mai la falsità plastica  di rifarsi  tette labbra glutei etc, ed anche di 12 giorni più anziane di Silvio Berlusconi che si è rifatto le chiome le tinte i trapianti  i lifting  etc. e che al suo confronto è,  per misera provenienza un, anticamente cosiddetto ,  “Homo Novus” . Ciò a distante  differenza anche della sincera canizie dello smontante Mattarella ove, per colpa sua non si è potuto tingere i capelli per apparire più giovane, neanche il povero Ugo Zampetti.

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *