VIA AGEVOLAZIONI FISCALI PER LE AUTO STORICHE ULTRAVENTENNALI, ESPLODE LA PROTESTA

L’esenzione dal pagamento del bollo per le auto storiche sta per finire. Se saranno approvati in Parlamento gli emendamenti, tra i quali quello che vede firmataria anche la senatrice Gabriella Di Girolamo, presentati al disegno di legge di conversione del decreto fiscale. Gli emendamenti infatti prevedono che i proprietari di veicoli storici, con 20-29 anni di età, paghino la tassa automobilistica per intero. Dall’inizio del prossimo anno, se questi emendamenti saranno approvati, l’agevolazione goduta finora dai titolari di queste auto storiche cesserebbe. Secondo l’associazione Automotoclub Storico Italiano questo accanimento contro il settore avrà effetti assai gravi a danno dell’intera filiera professionale del settore. Ed è quindi già mobilitazione dell’Asi contro questi emendamenti. La senatrice Di Girolamo, sentita al riguardo, ha spiegato che in un primo momento, per un errore di valutazione, la minore entrata nelle casse di Stato e Regioni, con una riduzione della metà dell’entità del bollo, sarebbe stata di circa due milioni di euro, ogni anno per il triennio 2019-2021. Una spesa che sarebbe stata sopportabile per lo Stato, che tutto sommato sarebbe stata di sei milioni in tre anni. Invece l’Automobile Club ha fornito un conteggio che corregge questa previsione. La riduzione delle entrate si aggirerebbe sui 27 milioni di euro in tre anni, dato aggiornato al settembre 2021. A fine anno la somma sarà di 28 milioni, calcolando dal 2019 ad oggi. La tassa di bollo finanzia manutenzione delle strade ed altre spese, anche a beneficio delle Regioni. Da qui l’orientamento della senatrice insieme al M5s, al Pd e ad Italia Viva a sostenere questi emendamenti. Ad occuparsene peraltro è in questi giorni al Senato, la commissione Finanze presieduta dal senatore Luciano D’Alfonso, ex presidente della Regione.

39 commenti su “VIA AGEVOLAZIONI FISCALI PER LE AUTO STORICHE ULTRAVENTENNALI, ESPLODE LA PROTESTA

  • 28 Novembre 2021 in 09:23
    Permalink

    Sistemano le strade con i soldi del bollo? Dovremmo ridere o piangere?In Sicilia anche le autostrade che si pagano sono distrutte. Beh! In Spagna non si paga bollo e le strade non sono dissestate e piene di buche ma perfettamente sistemate. Mi chiedo: Con quali soldi fanno la manutenzione? Forse dovere sapere che li c’è solo la motorizzazione e forse si ruba un pochino di meno. Povera italietta senza speranza per me ormai sei finita.

    1
    2
    Risposta
  • 27 Novembre 2021 in 18:30
    Permalink

    Rimangono senza parole dopo aver trascritto sul libretto la storicità della mia bmwZ3 ho deciso di pagare il bollo curioso di capire quanto avrei risparmiato, mi è stato detto che per una settimana o meno di ritardo dovevo pagare il bollo pieno e che l’agevolazione la otterrò il prossimo anno. Purtroppo non è così indicativamente ho speso 150 euro, per nulla a questo punto.

    Risposta
  • 27 Novembre 2021 in 17:21
    Permalink

    Siete contenti ITALIOTI?
    Stramaledetti il M5S, il PD e ItaliaMorta!!! Ora servono i soldi? Dopo tutti i bonus fatti a vanvera, per il “MagnaMagna” generale e per le solite truffe!
    SVERGOGNATI!!!!!!!!!!!!!!!

    Risposta
  • 27 Novembre 2021 in 15:40
    Permalink

    La storia automobilistica e motociclistica va sempre valorizzata e sostenuta e chi per passione si dedica a vecchi veicoli andrebbe sempre premiato.
    Fare circolare per le strade veicoli del passato in buono stato fa un beneficio a tutta la collettività.
    Un bambino che vede un’auto di vent’anni circolare per la strada certamente avrà di fronte qualcosa per sognare e imparare………..
    Il futuro si costruisce non dimenticando mai il passato……..
    Perché quindi “distruggere” la storia?

    Risposta
  • 27 Novembre 2021 in 05:42
    Permalink

    Così si uccide la storia e un settore che solo grazie alla passione di qualcuno era rimasto in piedi.
    Le auto d’epoca oltre a portare IL BELLO per le strade consentono di mantenere in vita un indotto che gira attorno alla loro conservazione e cura. Il tutto mantenendo in vita un artigianato in cui il nostro paese non è secondo a nessuno nel mondo.
    Uccidiamo le competenze e la storia ,il vero orgoglio italiano, bravi …

    55
    15
    Risposta
    • 27 Novembre 2021 in 11:44
      Permalink

      Non capisco cosa ha di storico una fiat panda o una Ford escort ecc.ecc. di 20 anni

      8
      43
      Risposta
      • 27 Novembre 2021 in 15:14
        Permalink

        Veramente, certi politici non sanno più cosa inventarsi per distruggere questa povera Italia e creare disoccupazione. Aumentare le tasse di auto d epocaca è vero e proprio disfattismo.

        Risposta
        • 29 Novembre 2021 in 23:48
          Permalink

          la più recente proposta di esenzione dal pagamento del bollo per le auto di rilevanza storica, firmata da Silvia Vono (Italia Viva), Patty L’Abbate e Gabriella Di Girolamo (Movimento 5 Stelle), Gianni Pittella e Daniele Manca (Partito Democratico) in pratica vorrebbe che il taglio del 50% sul bollo auto venga eliminata, così da (come si legge dal testo) “pervenire alla progressiva abolizione di benefici fiscali per veicoli inquinanti”.
          Quando andremo alle urne ricordiamoci di loro… comunque se passa la colpa sarà certo di tutti i partiti che l’avranno votata. Intanto il superbollo ammazza supercar rimane: attimo lavoro!!!

          Risposta
      • 27 Novembre 2021 in 18:11
        Permalink

        ovviamente non tutte le auto con ventanni sono uno spettacolo assoluto ma se parliamo di lotus elise, alfa spider,bmw z3,toyota celica,subaro impresa, saab ecc le cose cambiano

        9
        1
        Risposta
        • 27 Novembre 2021 in 18:56
          Permalink

          Infatti non tutte le auto si possono iscrivere all’ASI. È il certificato di storicità che da… dava… darà speriamo… diritto alla riduzione del bollo

          2
          1
          Risposta
        • 27 Novembre 2021 in 22:34
          Permalink

          Fiat 500, anche senza agevolazioni la terrò comunque, chi ama le auto d’epoca le ama senza compromessi

          Risposta
      • 27 Novembre 2021 in 20:57
        Permalink

        Appunto: non capisci.
        Infatti io conservo la Panda di mio padre, è un ricordo: non posso più farlo, pur pagando il 50% del bollo ed una marea di altre tasse, che servono a mantenere una pletora di clandestini fra i quali, forse, c’è qualche profugo, e che ci costa circa 1300€ a persona per un totale di circa 10 miliardi/anno? Pazienza, tanto questo non è che un ulteriore esempio di una nazione in decomposizione, dove ci si ostina sempre più a rendere la vita impossibile a chi vuole solo vivere la propria onestamente coltivando i propri interessi, anche se questi non collimano con quelli che il sistema propone ed incentiva………
        Ogni vettura che gode della riduzione del 50% del bollo è stata certificata se in condizione perfette, cui è seguita la registrazione di storicità sul libretto, quindi è solo una esigua percentuale del totale delle vetture ultraventennali, ed il mancato incasso per le regioni è risibile rispetto al costo del business dell’immigrazione. Poveri noi…..

        Risposta
      • 27 Novembre 2021 in 21:38
        Permalink

        le utilitarie che oggi hanno 50 anni, 30 anni fa non avevano nulla di speciale

        Risposta
  • 26 Novembre 2021 in 17:33
    Permalink

    Beh ragazzi finché si vota la sx non vorrete che le cose vadano meglio no? Noi Italiani siamo bravi a lamentarci quando ce lo mettono nel di dietro, ma appena si va a votare tac, vince la sx che invece di fare il bene del ceto medio li soffoca, ma avanti facciamoci del male continuamente………inutile che l’ACI faccia dei conti tanto è solo per mantenere loro che vogliono far pagare il bollo per intero, perché non dicono cosa costa questo ente inutile allo stato?….eh no i soldi del bollo servono per le strade ecc. ecc…….cari Italiani svegliatevi dal letargo e battete i pugni sulla tavola!!!….è ora di finirla con queste panzane dei costi visti lateralmente, e loro non rinunciano a niente per i diritti acquisiti…….non per ultime le pensioni dei poveri lavoratori onesti che dopo aver lavorato 43 anni a loro vedere non ci sarebbero più soldi per pagargli una pensione misera………ma ripeto, per loro si trovano.
    Votate, votate la sx che poi ci mettono apposto

    103
    9
    Risposta
    • 26 Novembre 2021 in 19:14
      Permalink

      Eh già
      Dopo che hai pagato per ottenere il c.r.s e dopo aver pagato la trascrizione sul libretto alla motorizzazione ,ti rendi conto che sono stati soldi buttati per niente.
      Sarebbe come se lo stato ti concede prima le agevolazioni
      Per la caldaia e poi ti raddoppia il prezzo del metano

      48
      2
      Risposta
    • 27 Novembre 2021 in 09:05
      Permalink

      Veramente la sx aveva perso le elezioni… ma per giochi vari di palazzo governa sempre!
      Comunque i soliti balzelli della sx: gli altri danno agevolazioni e loro come possono te le tolgono; questo è anche il motivo per cui dall’estero investono poco, non si fidano e fanno bene!

      20
      Risposta
      • 27 Novembre 2021 in 18:53
        Permalink

        Viva 5 stelle e comunisti. Tanto colpiscono solo i soliti poveracci perché in fondo chi e ricco se ne frega. Viva la guerra dei poveri

        Risposta
    • 27 Novembre 2021 in 15:18
      Permalink

      hai perfettamente ragione, ansiche prendere in questione la situazione riguardo le tasse auto storiche , perche non vanno ha verificare i lavori incompiuti che sno costati milioni é milioni di euro , si potevano fare altro che strade.

      Risposta
    • 27 Novembre 2021 in 15:38
      Permalink

      Mi sembra che sia un governo che abbraccia tutto l’arco costituzionale.

      Risposta
    • 27 Novembre 2021 in 17:13
      Permalink

      Siete contenti ITALIOTI?
      Stramaledetti il M5S, il PD e ItaliaMorta!!! Ora servono i soldi? Dopo tutti i bonus fatti a vanvera, per il “MagnaMagna” generale e per le solite truffe!
      SVERGOGNATI!!!!!!!!!!!!!!!

      Risposta
    • 27 Novembre 2021 in 21:21
      Permalink

      Sono pienamente d’accordo, hanno solo fame di soldi questi miserabili infami, pagare il bollo per intero servirà a sistemare le strade quante cagate si inventano, e c’è pure chi ci crede!.. questo criminali che ci governano non ci daranno mai un bel niente,ci spremono come e quando si diventa vecchi ci danno una pedata in culo!!. Ci dobbiamo scegliere.

      Risposta
    • 28 Novembre 2021 in 07:22
      Permalink

      Sul tema della tassazione delle auto storiche, se possedere un auto d’annata, magari lasciata dal padre, non più in vita, debba costituire un lusso,un auto magari che la si utilizza una volta al mese, ho qualche perplessità. Se consideriamo inoltre che le diverse iniziative nonché eventi organizzati dai vari clubs, in giro per l’Italia, costituiscono dei piccoli, seppur numerosi moltiplicatori di carichi economici positivi, per le piccole economie locali, generando ricavi per lo Stato, da tasse indirette,verrebbe da pensare che caricare nuovamente questo settore introducendo il bollo, determinerebbe un ulteriore carico fiscale a tutti quei cittadini italiani già sottoposti a numerose imposizioni contributive. Oltre a determinare, nel tempo, un rallentamento di quelle iniziative di cui ho parlato. Se si osserva il fenomeno “della passione” per le auto storiche, più da vicino, possiamo accorgerci delle grandi potenzialità economiche che il settore può esprimere in termini di sviluppo di un turismo specializzato di settore. Se proprio non si può fare a meno di ritornare a pagare il bollo, si potrebbe proporre alla “Politica” qualora condivida il ragionamento, la possibilità di un versamento annuale forfettario limitato, ad esempio a 50euro all’anno,quale contributo per migliorare la sicurezza stradale.

      Risposta
  • 26 Novembre 2021 in 17:11
    Permalink

    In Italia sta bene il Re…il Papa e chi non possiede nulla!!
    Venduti!!!

    30
    3
    Risposta
  • 26 Novembre 2021 in 16:21
    Permalink

    Proviamo a ridurre lo stipendio e cosi l’anzianità di servizio per la senatrice Di Girolamo, chissà quante urla e altro….direbbe che è un diritto acquisito ma questo vale solo per lei e gli altri che come lei vogliono far decadere il diritto ad usufruire di una legge in atto….le voglio ricordare che è un diritto acquisito anche per noi colllezionisti, UN ATTO IGNOBILE ,si VERGOGNASSERO.

    49
    2
    Risposta
    • 26 Novembre 2021 in 19:52
      Permalink

      Ho speso tanti soldi per iscrivere l’auto storica e ora vogliono togliere tutto? È semplicemente vergognoso , spero che cadi presto questo governo !

      27
      1
      Risposta
    • 26 Novembre 2021 in 20:00
      Permalink

      Prima ho speso x farla storica e poi decidono di rifarmi pagare che bel giochetto .

      22
      Risposta
      • 27 Novembre 2021 in 18:36
        Permalink

        Chi ha la passione non smetterà di certo a collezionare ciò che più ama per qualche centinaio di € in più, quindi facciano pure questi pezzenti.

        Risposta
    • 26 Novembre 2021 in 20:01
      Permalink

      Io dico che,se sono pagati per trovare queste soluzioni,bisognerebbe mandarli a casa a calci nel sedere, già con il decreto Renzi,si è ammazzato il lavoro per tutto l’indotto dei meccanici e ricambiati carrozzieri per non parlare della moria dei club di auto storiche che con i loro tour contribuivano a fare lavorare alberghi e ristoranti,mentre i giovani e meno giovani in possesso delle auto hanno venduto i mezzi all’esterno contribuendo estinguendo il patrimonio motoristico,tutto grazie alla “lungimiranza” dei nostri fenomenali parlamentari,se non sanno dove trovare soldi,che si abbassassero i propri stipendi e pensioni d’oro oppure vitalizi maturati solamente con poche ore di legislatura,noi poveri comuni abbiamo più dignità e quello che ci siamo costruito ce lo siamo sudato,come le nostre care storiche,ricostruite con le nostre mani e con tanta passione,alziamo la testa tutti uniti e non paghiamolo più questo inutile e controproduttivo per lo stato balzello.

      25
      1
      Risposta
    • 27 Novembre 2021 in 01:19
      Permalink

      Un ulteriore vergognosa retromarcia, i diritti acquisiti restano intoccabili solo per la casta, in questa ormai triste nazione ogni sogno, ogni svago, ogni passione ti viene proibita….la visione collettiva di una certa area politica è incredibilmente scadente, il cittadino medio che lavora e paga le tasse e viene vessato, il grande potere e le grandi storture non si possono toccare….cane non mangia cane

      15
      Risposta
    • 27 Novembre 2021 in 06:08
      Permalink

      Bhe, non proprio un diritto ma si chiama privilegio, ben diverso

      1
      8
      Risposta
      • 27 Novembre 2021 in 22:34
        Permalink

        Siamo forse l’unico paese che ha due istituti P.R.A. e M.C.T.C. che praticamente fanno le stesse funzioni e pertanto si potrebbero unificare così riescono anche a dialogare fra di loro con procedure più snelle e univoche. Solo in Italia si paga il bollo auto e cifre sproporzionate per fare i passaggi di proprietà. Possibile che ci debba adeguare alle leggi Europee solo su certe normative e non eliminare quelle per cui il nostro Stato paga multe alla Comunità Europea.

        Risposta
    • 27 Novembre 2021 in 17:55
      Permalink

      E’ vero anche il marito e’ in politica il bollo dopo 20 anni automaticamente deve essere ridotto alla meta’

      Risposta
  • 26 Novembre 2021 in 15:42
    Permalink

    È un comportamento schizofrenico, negli ultimi dieci anni la tassa automobilistica per i veicoli ultra ventennali è stata abbattuta, poi ripristinata nella totalità, poi alcune regioni l’hanno portata al 50 % poi tutte le regioni si sono accodate al 50% di abbattimento inventando la specifica dizione sul libretto di circolazione. Adesso è ritornata la proposta di ripristinarla al 100%. Non considerando che la maggior parte di queste auto escono raramente dai garage che costano molto per il mantenimento e che lo si fa per passione. È una vergogna perché i cari legislatori invece di mettere sempre le mani in tasca dei cittadini non verificano anche le economie che potrebbero procurare abbattendo i costi della politica con tutti questi parlamentari inutili (Camera, Senato, Parlamento Europeo, e tante altre organizzazioni nazionali/internazionali inutili).

    25
    1
    Risposta
  • 26 Novembre 2021 in 13:44
    Permalink

    Bravi come al solito non sanno più come rubare soldi! I diritti acquisti valgono solo per i loro vitalizi!!!! Per noi che abbiamo acquisito tramite regolare iscrizione A. s. i. Le nostre vetture, le abbiamo restaurate speso soldi abbiamo fato girare l’economia, e adesso ci vorrebbero dare il bel servito! Togliete i anche voi i vostri privilegi se ne avete il coraggio!!!!

    35
    1
    Risposta
    • 26 Novembre 2021 in 15:11
      Permalink

      Una vergogna. Il solito givernicchio che essendo alla canna del gas non sa più dove spremere soldi, fregandosene se così facendo contribuirà a mandare al macero un patrimonio storico nazionale. Non bastano i balzelli che già ci vediamo sui carburanti. Che gliene frega a sti quattro sbandati. Però qualcuno li ha votati e ben gli sta, speriamo di riuscire ad andare a votare e che qualcuno dei rossi si ravveda

      14
      Risposta
    • 26 Novembre 2021 in 18:29
      Permalink

      Mi fa ridere la frase: i soldi dei bolli servono anche per la manutenzione delle strade! Ma dove? Che ci ho lasciato la coppa dell’olio in una buca! Cialtroni e ridicoli!

      12
      2
      Risposta
    • 26 Novembre 2021 in 18:37
      Permalink

      ……volevo aggiungere anche che: ma sui conti fatti dall’Aci si tiene conto che se non era per la passione di qualcuno tante auto o moto non erano neanche più in circolazione e già erano esenti dal bollo?…senza mettere sulla tavola le tasse sui carburanti non più usati e introiti tra pezzi, meccanici, carrozzieri ecc…..io da povero operaio un po’ di buon senso lo uso, non so fare conteggi da laureato ma non mi vengano a raccontare delle favole su incassi mancati

      10
      Risposta
    • 26 Novembre 2021 in 19:15
      Permalink

      Come al solito è più facile andare a prendere i soldi a qualcuno che nutre un sincero interesse per delle opere d arte in movimento che onorano la potenzialità della nostra cultura che interessarsi a risolvere problemi e ingiustizie che affliggono la nostra societa grazie e ancora grazie continuate cosi

      10
      Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *