TRE GIORNI A TEATRO CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE

Le donne e l’universo femminile: questo il tema della tre-giorni organizzata dall’Associazione “Meta” nell’ambito del progetto “Teatro Maria Caniglia – Teatro di Produzione” in collaborazione con il Teatro “D’Andrea” di Pratola Peligna. I tre appuntamenti, che si terranno dal 23 al 25 novembre vedranno alternarsi ospiti della politica, della sanità e della cultura del territorio peligno. La kermesse avrà inizio martedì 23 novembre alle ore 18 presso il Teatro Comunale “D’Andrea” di Pratola Peligna, dove avrà luogo il primo incontro dal titolo Alta conflittualità e violenza, che vedrà protagoniste Lucia Colalancia, psicologa, psicoterapeuta, mediatore familiare e Referente Diocesano per la tutela dei minori e delle persone vulnerabili, e Mariachiara Pagone, psicologa e psicoterapeuta. Seguirà l’incontro La cultura di genere e le radici della violenza, che si terrà mercoledì 24 novembre alle 18 presso il fumoir del Teatro “Maria Caniglia” di Sulmona e durante il quale interverranno la psicoterapeuta della gestalt-analitica e psicologa del centro antiviolenza “Donna” di Castel di Sangro Irene De Amicis e Chiara Maiorano, avvocato e socia dell’Associazione “La Diosa” di Sulmona. Chiuderà la rassegna, alle 12 del 25 novembre, giornata internazionale per l’eliminazione della violenza sulle donne, l’appuntamento Donne: verso la consapevolezza, che si terrà di nuovo a Sulmona, presso il fumoir del Teatro “Maria Caniglia”, con la partecipazione di Luisa Taglieri, presidente dell’Associazione “Voci di donne” e Attilio D’Andrea, assessore alle politiche sociali del Comune di Sulmona. Gli incontri saranno animati da letture tematiche tratte dal volume L’amore rubato di Dacia Maraini e dalla raccolta Questo non è amore del blog femminile La 27esimaora, promosse da Effimera S.r.l. e interpretate dai sulmonesi Sara Di Sciullo e Pasquale Di Giannantonio, al quale è affidato anche l’accompagnamento musicale alla chitarra classica. «Le giornate organizzate dalla nostra Associazione costituiscono un apporto prezioso al nostro progetto di gestione delle attività teatrali del Caniglia, progetto che pone un accento particolare sulle tematiche sociali» commenta Patrizio Maria D’Artista, direttore artistico della stagione di prosa del Caniglia. «Siamo certi che attraverso simili operazioni il nostro Teatro contribuisca allo sviluppo di una coscienza collettiva sempre più orientata ad un futuro all’insegna della civiltà».Il costo del biglietto d’ingresso agli eventi, acquistabile sul luogo di svolgimento degli appuntamenti, è fissato a € 5. Il ricavato delle tre giornate sarà devoluto a sostegno delle attività dell’Associazione “Voci di Donne” di Sulmona.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *