PROIETTI: “CANDIDATO IN NOME DEL TERRITORIO” E LANCIA APPELLO A TUTTI I GRUPPI

“Chiedo a tutti i consiglieri comunali di Sulmona di maggioranza e minoranza di appoggiare la mia candidatura a sostegno di Sulmona e del territorio. Rivolgo lo stesso appello a tutti i consiglieri comunali dei paesi del comprensorio peligno e dell’alto Sangro”. Il consigliere comunale Maurizio Proietti, esponente del gruppo di maggioranza, Sulmona Libera e Forte, lancia un appello all’intero Consiglio comunale, dopo aver ufficializzato la sua candidatura al Consiglio provinciale, a sostegno del candidato presidente Angelo Caruso. E poi motiva la sua decisione di appoggiare Caruso. “L’accettazione della mia candidatura alla Provincia in una lista civica a sostegno del candidato Angelo Caruso non è una improvvisazione. Dopo aver riflettuto sul fatto che avremmo rischiato di portare acqua al mulino di un altro territorio, a scapito del nostro, ho pensato che qualcuno dovesse difenderlo. Ho ritenuto che la candidatura del mio amico Angelo Caruso, potesse essere quella giusta per Sulmona e la Valle Peligna. La mia è una scelta che va oltre i colori di partito e mira alla difesa del territorio (Alto Sangro compreso)” spiega Proietti.  “Che la mia sia una scelta libera, lo dimostra il fatto che non ho tessere di partito, e pertanto non ne subisco i diktat. Ho mantenuto buoni rapporti con quasi tutti gli amici con cui ho condiviso in passato il mio percorso politico, molti di loro oggi ricoprono il ruolo di consigliere comunale e qualcuno quello di sindaco. È a loro che chiederò il sostegno” aggiunge Proietti. “Questa mia decisione non vuole inficiare minimamente la solidità della coalizione Liberamente Sulmona e la mia lista di appartenenza Sulmona Libera e Forte: vuole essere un modo per rafforzarle e poter lavorare per il territorio” conclude il consigliere comunale, rassicurando il proprio gruppo di appartenenza ed i partner di maggioranza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *