‘NDRANGHETA: PM, CLAN MINACCIÒ ANCHE DIRIGENTI DELLA SPUMADOR

Attilio Salerni, col fratello Antonio, due dei fermati nella tranche lombarda della maxi inchiesta contro la ‘ndrangheta, sarebbero stati gli esecutori materiali “di violenze e minacce nei confronti dei dirigenti”. della SPUMADOR Spa, nota azienda di bevande gassate finita nella morsa dei clan in Lombardia che ha uno stabilimento anche a Sulmona. Lo si legge negli atti della Procura milanese. Attraverso le intimidazioni i due avrebbero acquisito “il controllo e la gestione delle commesse di trasporto ‘conto terzi'” della SPUMADOR “per il tramite di Sea Trasporti”, società a loro riconducibile. E avrebbero partecipato “al cartello’ di imprese insieme alle famiglie Palmieri e Stillitano con i quali monopolizzavano le commesse di SPUMADOR” utilizzando altre due aziende e “continuando a ripartire i profitti  complessivamente ottenuti (dal 2015 al 2019)” di oltre 1,1 milioni di euro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *