VIADOTTI AUTOSTRADALI, LA PROCURA DI SULMONA CHIEDE GIUDIZIO PER I VERTICI DI STRADA DEI PARCHI

La Procura della Repubblica di Sulmona ha chiesto il rinvio a giudizio per i vertici di Strada dei Parchi in merito ai viadotti della A25 per quella parte che riguarda il territorio di competenza. Le ipotesi di reato iscritte dal capo della Procura Giuseppe Bellelli nel fascicolo sono inadempimento nei contratti di pubbliche forniture, per i 16 viadotti del territorio, attentato alla sicurezza dei trasporti ed altri reati minori. La richiesta è stata estesa per il consigliere di amministrazione della holding del Gruppo Toto, Cesare Ramadori, all’epoca dei fatti amministratore delegato di Sdp, della quale oggi è presidente, Igino Lai, responsabile di esercizio di Sdp e Gianfranco Rapposelli, amministratore delegato di Infraengineering, altra societa’ del gruppo specializzata nella progettazione. Quella di Sulmona è la quarta procura abruzzese ad aver aperto un contenzioso con Strada dei Parchi, dopo Pescara, Teramo e L’Aquila.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *